L'Università del Sannio presenta"Mind the Gap"

Sarà presentato domani, 21 ottobre 2008 alle ore 15.30 presso la facoltà SEA in Via delle Puglie a Benevento, il progetto “MIND the GAP: il Marketing, le Imprese, i Talenti” dell’ Università del Sannio.
18 incontri, manager aziendali provenienti da tutta la penisola, 100 studenti coinvolti in maniera diretta per un viaggio lungo 6 mesi. Questi i principali numeri della I edizione del “MIND the GAP- attenzione al vuoto”.
L’espressione “MIND the GAP” è resa popolare dal suo utilizzo nella metropolitana di Londra per avvertire i passeggeri dello spazio (il “gap” appunto) che separa la banchina dalla porta del treno; questo concetto è stato “rubato” dal suo contesto originario e utilizzato come metafora di un progetto didattico che ha la finalità di mettere a confronto gli studenti universitari e il mondo del marketing aziendale.
MIND the GAP rappresenta dunque un viaggio in metropolitana fatto di incontri, o meglio di “fermate di riflessione”, in cui giovani talenti, imprenditori e manager avranno l’opportunità di incontrarsi, conoscersi e discutere su tematiche relative alla gestione dei moderni processi di marketing.
Numerose le aziende partecipanti al progetto, curato e promosso dalla prof.ssa Maria Rosaria Napolitano e dal prof. Alessandro De Nisco con il supporto del dott. Sandro Aliberti ed il patrocinio dalla Società Italiana Marketing, Unilever, Rummo Lenta Lavorazione, Wind, Okite, Algida, Poste Mobile, Carpisa, Harmont & Blaine, Cannata & Partners, Luxottica, Gruppo Mataluni Spa Oleifici ed ancora KPMG, Carrefour, Strega Alberti, Mastroberardino, Ermenegildo Zegna, e Giffoni Film Festival.
Per conoscere le date degli incontri e ulteriori informazioni:
www.sea.unisannio.it o [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Programmatori in tutta Italia per Esedra

Next Article

Tutte le novità di Siena Stranieri

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.