L'Ordine sul taglio dei posti a Medicina: "Sono ancora troppi. Bisogna scendere a 6.500"

Test di medicina: tagliare “solo” 1.000 posti non basta. Dopo le indiscrezioni trapelate negli scorsi giorni che vedrebbero i posti disponibili per accedere ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia tagliati di quasi il 10% (si parla di circa 1.000 posti in meno) e le conseguenti polemiche sollevate da studenti e sindacati, a rincarare la dose è arrivata anche la dichiarazione dell’Ordine dei Medici, secondo cui il numero resta ancora troppo alto e dovrebbe scendere di altre 2.000 – 2.500 unità.
La Fnomceo (Federazione nazionale dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) chiederebbe di “abbattere a 6.500 – 7.000 il numero degli accessi a Medicina, fabbisogno adeguato a soddisfare il turnover dei medici, senza creare sacche di disoccupazione e sottoccupazione. E ciò in attesa di una revisione dei criteri di programmazione dei professionisti da formare sulla base delle esigenze di salute della popolazione”.
Era stata la presidente Fnomceo, Roberta Chersevani, lo scorso 26 giugno a chiedere un cambiamento immediato: “Se non si corre ai ripari nei prossimi 10 anni saranno 25mila i medici che non avranno alcuna possibilità di sbocchi occupazionali nel servizio sanitario nazionale”.
Un blocco causato, in parte, anche dai numerosi ricorsi vinti dagli studenti negl’anni, che hanno messo in crisi il sistema del numero chiuso: “Sono 10mila ogni anno gli immatricolati a Medicina e questo solo secondo il numero programmato, perché altri 9mila posti sono stati, negli ultimi cinque anni, resi disponibili a seguito dei ricorsi degli esclusi –  – proseguono dal Fnomceo – dei 10mila immatricolati, l’85 per cento arriva alla laurea: 8mila e 500 medici l’anno, a fronte di 6mila/6mila e 500 posti nelle Scuole di specializzazione e nel corso di Formazione in medicina generale. Risultato: un esubero annuale di 2mila e 500 medici, destinato a crescere esponenzialmente”.
Un’emorragia cui i giovani medici provano a rispondere emigrando: “Già sin d’ora, sono sempre di più i giovani medici  –  continuano gli ordini professionali  –  che richiedono il “good standing”, il certificato necessario per esercitare all’estero”.
Bisognerà ora vedere a quali sirene darà ascolto il Miur: alle preoccupazioni degl’Ordini professionali, infatti, fanno da controaltare le richieste degli aspiranti camici bianchi, già spaventati dalla riduzione di 1.000 posti nei test d’ingresso a medicina per l’a.a. 2015/2016.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Medicina, cambia tutto: 1.000 posti in meno nel 2016

Next Article

La rassegna stampa di martedì 30 giugno

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".