Lavoro, disagio minorile a Napoli

Continuano gli appuntamenti con “Il disagio minorile a Napoli” organizzati dalla facoltà federiciana di giurisprudenza

Il ciclo “Il disagio minorile a Napoli” organizzato dalla facoltà di giurisprudenza federiciana prosegue con il quinto appuntamento dal titolo “Il minore e il lavoro” che si terrà giovedì 17 novembre presso l’Aula Coviello in via Porta di Massa. 

A partire dalle ore 9.30 con i saluti del Preside di facoltà Lucio De Giovanni, si susseguiranno due sessioni ed una tavola rotonda. Alla prima sessione, intitolata “Lavoro minorile, identità personale e professionale tra vecchie e nuove povertà” prenderanno parte tra gli altri Maddalena Poerio, Dirigente della Regione Campania ed il Direttore del carcere di Nisida Gianluca Guida. Alle ore 12.00 la seconda sessione della giornata intitolata “La tutela del lavoro minorile: regole, organizzazione ed effettività” cui parteciperanno Lorenzo Zoppoli, docente presso il dipartimento di diritto dei rapporti civili e Antonio Viscomi docente presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro.

Nel pomeriggio la tavola rotonda dal titolo “Lavoro minorile, azione istituzionale, rappresentanze sociali” sarà coordinata da Mario Rusciano Presidente del Polo delle Scienze Umane e Sociali. Interverranno, tra gli altri, Sergio D’Angelo assessore comunale alle politiche sociali e Severino Nappi, assessore regionale al lavoro.

Per scaricare il programma clicca qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giornata mondiale della Scienza

Next Article

Consulenti funzionali ERP

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"