A Modena riparte la notte dei ricercatori

Anche questo settembre, per il terzo anno consecutivo, si terrà “La notte dei Ricercatori”. Modena la festeggerà con un’anteprima, che si terrà lunedì 19 settembre…

Anche questo settembre, per il terzo anno consecutivo, si terrà “La notte dei Ricercatori”. Modena la festeggerà con un’anteprima, che si terrà lunedì 19 settembre, dal titolo Infoday “Giovani Ricercatori in movimento: opportunità di ricerca in Europa”.

Si terrà a Modena l’anteprima de “La Notte dei Ricercatori”, manifestazione a carattere nazionale dedicata ai giovani talenti che lavorano all’interno delle numerose realtà accademiche italiane ed europee.

L’appuntamento, che quest’anno si intitola Infoday “Giovani Ricercatori in movimento: opportunità di ricerca in Europa”, è promosso dal Comune di Modena – Europe Direct, dall’Ufficio Ricerca e Relazioni Internazionali  e dal Centro Documentazione e Ricerche sull’Unione Europea dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

L’anteprima de “La notte dei Ricercatori”, che si terrà presso lo Europe Direct  (Galleria Europa piazza Grande,17) a Modena, vedrà il dott. Nicola Dorigo dell’Ufficio Ricerca Nazionale ed Internazionale  dell’Ateneo modenese reggiano illustrare il “Programma People: le azioni Marie Curie per i ricercatori in fase iniziale e i ricercatori esperti”, seguito dall’intervento della Responsabile dell’Ufficio Ricerca Nazionale ed Internazionale dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia dott.ssa Barbara Rebecchi che presenterà “Il Portale Europeo EURAXESS”.  L’appuntamento sarà concluso dal dotto. Massimo Gaudina Capo Unità Comunicazione ERC – European Research Council che affronterà il tema “Contro la fuga dei cervelli: le borse del Consiglio europeo della ricerca e il futuro programma quadro europeo”.

La Notte dei ricercatori, che quest’anno si terrà venerdì 23 settembre 2011, sarà caratterizzata da numerose iniziative in diverse città italiane.

Per maggiori informazioni consultare il sito www.nottericercatori.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Soccorso Rosa-Azzurro, vota anche tu!

Next Article

Prodi e la Magna Charta delle università

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.