La caffeina aiuta a perdere peso

La buona notizia e’ che la caffeina aiuta a perdere peso; la cattiva notizia e’ che il caffe’, a causa di altri componenti non ancora ben conosciuti, non ha lo stesso effetto. Scienziati australiani, in esperimenti su topi di laboratorio, hanno osservato che la caffeina pura puo’ eliminare l’aumento di peso, mentre usando un estratto di caffe’ i livelli di grasso non si riducono. Nello studio dell’Universita’ del Queensland, pubblicato sul Journal of Nutrition, i topi sono stati alimentati con una dieta concentrata di grassi animali, latte condensato e zucchero per raddoppiare il peso corporeo e imitare i sintomi dell’obesita’ umana.

Quando ai topi veniva somministrata una dose regolare di caffeina, il peso corporeo tornava gradualmente al normale, mentre i topi alimentati con estratto di caffe’ restavano in sovrappeso. Il farmacologo cardiovascolare Lindsay Brown, che ha guidato la ricerca, ha espresso sorpresa per i risultati. ”La nostra ipotesi era che ogni effetto osservato con il caffe’ fosse dovuto alla caffeina, ma altri componenti nel caffe’, non sappiamo quali, sembrano contrastare le proprieta’ di riduzione di peso della caffeina”, scrive. Alcuni di essi non sono stati ancora identificati, mentre si sa poco degli effetti degli altri che danno al caffe’ il suo colore, come cafestol, kahweol e melanoidina.

”La domanda ovvia per un farmacologo e’: che effetto hanno?” aggiunge, lamentando che si sappia cosi’ poco su una delle bevande piu’ consumate nel mondo. Mentre e’ certo che la caffeina brucia il grasso, Brown sconsiglia di ricorrere a prodotti come le pillole alla caffeina per restare svegli, come le No Doz, come trattamento di controllo del peso. Lo studio indica tuttavia che sia la caffeina che il caffe’, purche’ non sia ristretto, migliorano le funzioni del cuore oltre che del fegato

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavoro

Next Article

Anno nuovo, tassa nuova

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.