In Statale arrivano i distributori di assorbenti a 20 centesimi, è il primo ateneo in Italia

Festeggia la lista UniSì: “Un primo passo per la parità di genere nei luoghi della conoscenza”

Festeggia la lista UniSì: “Un primo passo per la parità di genere nei luoghi della conoscenza”

Promessa mantenuta. E “rivoluzione rosa” avviata. All’università Statale di Milano sono stati installati nelle scorse ore i distributori automatici che permetteranno alle studentesse di acquistare gli assorbenti a 20 centesimi. 

Ad annunciarlo sono stati le ragazze e i ragazzi di “UniSì”, la lista di rappresentanza studentesca che tanto si è battuta per ottenere questa novità. “Dopo un anno e 9 mesi dalla prima proposta che UniSì ha fatto in Cds, la nostra promessa è realtà. La Statale è la prima Università in Italia ad installare distributori di assorbenti a prezzo calmierato”, hanno esultato i giovani in un post sulla loro pagina Facebook. 

Si tratta – hanno spiegato – di “un primo passo per un welfare studentesco che abbia come priorità anche la parità di genere nei luoghi della conoscenza. Non basta e non ci fermeremo – hanno concluso -, ma un passo importante, grazie al lavoro dei nostri rappresentanti è finalmente stato fatto”.

L’annuncio era arrivato a settembre scorso, quando il Cda aveva detto sì alla proposta di UniSì, scegliendo di posizionare le macchinette in tutte le sedi principali dell’ateneo, da Festa del Perdono a Città Studi passando per via del Conservatorio. “Un impegno per le studentesse della Statale mantenuto. La prima Università italiana che installerà distributori di assorbenti a prezzo calmierato – avevano sottolineato da UniSì -. Un’esigenza ed un’opportunità che avevamo promesso due anni fa e che finalmente dopo un anno e mezzo di lavoro diventa realtà”. 

“Diversi stati negli ultimi anni garantiscono la distribuzione di assorbenti gratuiti nei luoghi della conoscenza. Non abbiamo ottenuto il massimo, cioè la gratuità, ma di fronte ad istituzioni sorde, con il nostro percorso l’amministrazione della Statale farà da apripista di un’iniziativa concreta a favore del genere femminile – avevano proseguito -.

Attendiamo solo l’installazione, consapevoli che la rappresentanza in questo periodo difficile ha ancora tante imprese e problemi da affrontare per dare garanzie agli studenti per portare avanti con serenità il proprio percorso”, avevano concluso gli universitari. E ora anche l’ultimo passo, quello dell’installazione, è stato compiuto.“

milanotoday

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Google in tilt, niente lezioni online: la gioia degli studenti

Next Article

Procter&Gamble Lavora con noi: posizioni aperte

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"