Il mondo accademico accoglie Napolitano

La città di Napoli si prepara ad accogliere il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

La città di Napoli si prepara ad accogliere il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano impegnato nei prossimi giorni in diversi interventi tra cerimonie istituzionali, convegni, visite e mostre.

Centrali gli appuntamenti che riguardano il mondo accademico a cominciare da domani 30 settembre alle ore 16.30 quando studenti e docenti incontreranno il Presidente presso l’Aula Pessina della facoltà di Giurisprudenza in corso Umberto I, 40.

Napolitano sarà accolto dal Rettore Massimo Marrelli e dal Preside della Facoltà di Giurisprudenza, Lucio De Giovanni e incontrerà 30 studenti federiciani, alcuni dei quali avranno anche la possibilità di rivolgergli delle domande. Durante la cerimonia verrà consegnata una targa alla massima autorità dello Stato che, essendo anche un laureato della più antica Università statale e laica del mondo, riceverà la prima tessera di Alumni, la “casa comune” di tutti i laureati della Federico II.

Alle 10.30 di sabato il Presidente inaugurerà il 200° anno accademico della Facoltà d’Ingegneria.
Interverranno il Rettore Marrelli, il Presidente del Polo delle Scienze e delle Tecnologie, Massimo D’Apuzzo, e il Preside della Facoltà, Piero Salatino.
Il Presidente del Cnr, Rettore del Politecnico di Torino, Francesco Profumo, terrà una lectio magistralis su “Università Internazionali per lo sviluppo dei territori: un Progetto di cui le Facoltà di Ingegneria di Napoli e Torino sono protagoniste”.
L’appuntamento è nell’Aula magna “Massimilla” a piazzale Tecchio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sostenibilità finanziaria degli atenei. Rivediamo i parametri

Next Article

Client Support

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.