Il 20% dei bambini in età scolare può essere affetto da dermatite atopica

Trecento delegati provenienti da tutto il mondo stanno partecipando al Meeting sull’Allergia Cutanea  (Skin Allergy Meeting, SAM) 2012 dell’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia (EAACI), dal 29 novembre all’1 Dicembre a Berlino.

L’evento e’ ospitato dal Centro Allergologico Charite’ – Charite’-Universitatsmedizin  di Berlino presieduto dal Dr Clive Grattan, Presidente della Sezione di Dermatologia dell’EAACI, e sotto la direzione del comitato organizzativo guidato dal  Professor Marcus Maurer.  

Il trattamento della dermatite atopica continua a essere una grande sfida per i dermatologi. Piu’ del 90% dei casi si manifesta prima dei 5 anni di eta’. Si stima che  circa il 10-20% dei  bambini in eta’ scolare possa essere affetto sia nell’emisfero settentrionale che in quello meridionale.

Sebbene sia meno comune in Africa e  nell’Europa orientale, le sue manifestazioni sono comunque gravi e dolorose in ogni parte del mondo. Tutti questi dati saranno discussi durante la sessione “Guida pratica al trattamento della dermatite atopica” guidata dal Professor Zuberbier  durante SAM 2012. Gli esperti dell’EAACI concordano sull’impossibilita’ di identificare una singola causa, ma viene sempre piu’ riconosciuta l’importanza della funzione della barriera cutanea come causa sottostante all’infiammazione cutanea che si sviluppa come risultato  dell’iperreattivita’ del sistema immunitario  Le allergie alimentari possono avere un ruolo importante in una percentuale che arriva fino al 20% dei bambini piu’ piccoli con dermatite atopica  e quindi riconoscerle puo’ essere importante per aiutare questi bambini in aggiunta ai regolari trattamenti con emollienti, creme steroidee,farmaci immunosoppressori e antibiotici.

Una migliore comprensione del ruolo delle allergie nella dermatite atopica  e la loro prevenzione sono importanti obbiettivi futuri per la ricerca. SAM 2012 SAM 2012 e’ un meeting biennale organizzato dall’EAACI con lo scopo di fornire ai partecipanti aggiornamento sulle mallattie cutanee in cui l’allergia puo’ avere un ruolo – insieme a informazioni sulle attuali opzioni terapeutiche, sulle strategie e le diagnosi differenziali,  quali le dermatiti allergiche da contatto e le dermatosi tropicali e del viaggiatore, fino alle sindromi auto infiammatorie.

L’obiettivo e’ di diffondere gli ultimi sviluppi su questi argomenti per dare i migliori trattamenti a questi pazienti. EAACI, l’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica L’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica, EAACI, e’ un’organizzazione non-profit attiva nel campo delle malattie allergiche e immunologiche quali asma, rinite, eczema, allergie professionali, allergie alimentari e ai farmaci e anafilassi.

EAACI e’ stata fondata nel 1956 a Firenze ed e’ diventata la piu’ grande associazione medica in Europa nel settore dell’allergia e dell’immunologia clinica. Comprende piu’ di 7.700 membri da 121 paesi  e tutte le Societa’ Nazionali di Allergologia europee.

(ADK

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sono troppi i ritardi per gli aiuti alla ricerca

Next Article

Ricercatori e professori di università ed enti di ricerca: via libera allo scambio

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.