Giochi erotici in chat. Caccia al prof che molesta le alunne

Schermata 2013-01-24 a 13.24.38

Un gioco telematico che si trasforma molestia. Fa scalpore la notizia che arriva da una scuola superiore di Qualiano, nel napoletano, dove un professore avrebbe mosso una serie di avances nei confronti delle proprie studentesse, fino a sfociare in vera e propria molestia sessuale.

L’insegnante avrebbe intrattenuto una serie di discussioni tramite la rete con le sue alunne, alcune delle quali minorenni. Da una prima ricostruzione sembra che le chiacchierate sul web siano poi degenerate in vere e proprie conversazioni sessuali, con il professore che chiedeva alle alunne di masturbarsi, e che intanto si apprestava a fare lo stesso.

Le ragazze avrebbero immediatamente interrotto il video, senza però denunciare alcunché alle autorità. Dalla scuola confermano la voce secondo cui il professore avrebbe portato avanti questi giochi sessuali già da alcuni mesi. Ora saranno le indagini a chiarire il tutto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Se soffrite di cali di lucidità, osservate dei semplici trucchi per non dimenticare

Next Article

Comprano pane vecchio e carne in scadenza. Storie di poveri Italiani

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.