Gelmini, previsti 180 mnl per le borse di studio

Nella legge di stabilità sono stati stanziati 180 milioni per le borse di studio (570 per l’università) a cui va aggiunta la compartecipazione regionale. Lo ha sottolineato, durante il question time, il ministro Mariastella Gelmini rispondendo a un’interrogazione dell’Idv sulle iniziative normative per assicurare la copertura finanziaria per le borse di studio universitarie.

«Con le regioni – ha aggiunto – è aperto un tavolo per rivedere il decreto sul diritto allo studio al fine di tener conto dei diversi costi della vita nelle regioni italiane». «Abbiamo anche introdotto con la riforma universitaria – ha proseguito il ministro – una nuova istituzione, il Fondo per il merito che dovrà attivare, anche nel nostro Paese, una prassi poco praticata, quella dei prestiti d’onore. Oltre ai 180 milioni stanziati per il diritto allo studio, abbiamo stanziato 50 milioni di euro, 10 con l’attivazione del fondo e altri 40 all’interno delle risorse contenute nella legge di stabilità. E comunque se le regioni non dovessero far fronte totalmente alla compartecipazione a cui sono chiamate abbiamo anche un Fondo integrativo di 60 milioni. Attraverso queste risorse – ha concluso il ministro – siamo in grado di aumentare di molto rispetto agli anni passati le borse di studio e quindi dare concretezza al dettato costituzionale».
Fonte: Ansa

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Studenti Rete, Udu e pensionati insieme

Next Article

Yves Bonnefoy dottore Honoris Causa dell'Orientale

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.