Foggia, a scuola di legalità contro le mafie

legalita.pngLegambiente e l’Associazione Nuova Ecologia hanno organizzato anche quest’anno in collaborazione con l’Università di Foggia le scuole estive di Festambientesud che si occuperanno dei temi Ecomafie e Comunicare le buone notizie. L’ateneo foggiano presenterà, il 23 luglio a Monte Sant’Angelo, i propri corsi e avvierà la campagna di comunicazione per le immatricolazioni. FestambienteSud ospiterà inoltre, dal 24 al 27 luglio, il Seminario nazionale di Legambiente Scuola e Formazione.
La scuola estiva su Ecomafie, in programma il 24 e 25 luglio, è stata promossa dalla facoltà di Giurisprudenza e dall’Osservatorio nazionale ambiente e legalità di Legambiente, e avrà come docenti Domenico Viti, dell’Università di Foggia, Luca Ramacci, sostituto procuratore a Tivoli, Pino Bianco della Dda di Firenze, Enrico Fontana, Sebastiano Venneri e Antonio Pergolizzi di Legambiente. L’altro corso, Giornalismo: comunicare le buone notizie, in programma dal 22 al 25 luglio, è stato promosso da Nuova Ecologia e dall’Università ed è rivolto a giornalisti e aspiranti giornalisti. Tra i docenti, i giornalisti Marco Fratoddi, Francesco Loiacono, Alberto Fiorillo.
Nello stesso periodo sono stati anche organizzati laboratori di artigianato musicale, per insegnare a ragazzi e adulti a costruire e suonare strumenti musicali. Per partecipare alle iniziative è necessaria la prenotazione. La delegazione di Legambiente ha organizzato anche il Teatro Civile Festival di Legambiente, in programma a Monte Sant’Angelo dal 18 al 21 luglio.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Laureati in Relazioni internazionali, a L'Aia

Next Article

Emilia Romagna, misure pro universitari

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.