Eurostudent, le condizioni di vita e di studio degli studenti universitari in Italia e in Europa

Oggi, mercoledì 12 dicembre, alle ore 9.00, nella Sala “Aldo Moro” del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, si terrà la conferenza stampa di presentazione della Ottava Indagine Eurostudent e della Indagine comparata europea Eurostudent VI, “Le condizioni di vita e di studio degli studenti universitari in Italia e in Europa”.
I lavori saranno chiusi dal Vice Ministro Lorenzo Fioramonti.
 
09.00 – 09.30 Registrazione partecipanti
09.30 – 10.00 Intervento introduttivo
Maria Letizia Melina, Direttore generale per lo Studente, lo Sviluppo e l’Internazionalizzazione della Formazione Superiore (DGSSIFS – MIUR)
10.00 – 11.00 Presentazione dei risultati dell’Ottava Indagine italiana Eurostudent e dell’Indagine comparata europea Eurostudent VI
Giovanni Finocchietti, Direttore dell’Indagine Eurostudent
11.00 – 12.00 Tavola Rotonda: Dimensione sociale, crisi economica e politiche per gli studenti: quali indicazioni dall’Indagine Eurostudent?
Coordina: Prof. Federico Cinquepalmi, Dirigente dell’ufficio V DGSSIFS-MIUR
 Luciano Barboni, Prorettore con delega alla didattica Università di Camerino
 Beatrice Covassi, Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea
 Carlo Garau, Consigliere CNSU – Consiglio nazionale degli studenti universitari
 Federica Laudisa, Componente dell’Osservatorio nazionale per il DSU; ricercatrice IRES Regione Piemonte
12.00 Intervento conclusivo Lorenzo Fioramonti – Vice Ministro MIUR

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Natale, i desideri degli studenti per il nuovo anno

Next Article

Istat: occupati in calo nel terzo trimestre. Boom dei contratti a termine

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.