Esplode la protesta negli Atenei del Sud Italia: ecco tutte le iniziative

Atenei del Sud Italia
I ragazzi del Politecnico di Bari

 

In gran parte del Sud Italia esplode la protesta contro il DM Punti Organico 2013 con la sospensione delle lezioni all’Università di Foggia, Bari, Lecce, Politecnico di Bari, Università del Molise e alle Università Federico II e l’Orientale di Napoli.

“Gli appelli lanciati da studenti, ricercatori e personale docente e non – dichiara Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di LINK  -Coordinamento Universitario – sono stati fondamentali per sospendere le attività didattiche in tantissimi atenei del Mezzogiorno.”
“Il ministro Carrozza dovrà ascoltare le richieste provenienti da larga parte della comunità accademica nazionale e che verranno rilanciate nelle assemblee di ateneo e nelle iniziative serali previste il 28 novembre in occasione della riunione con i rettori del Sud Italia”.
“Se il Governo delle Larghe Intese non provvederà ad inserire nella Legge di Stabilità – conclude Alberto Campailla – un correttivo rispetto al DM 713/13 (Decreto Punti Organico) e al disastroso stato del F.F.O., si assumerà la pesantissima responsabilità politica di determinare la chiusura di tanti atenei del Sud Italia. Gli studenti continueranno a mobilitarsi ben oltre il 28 novembre e rivendicare una definitiva inversione di tendenza rispetto alle politiche universitarie di questo Governo”.
Ecco la lista delle iniziative nelle Università del Sud
Università e Politecnico di Bari – Assemblee alle ore 11.00 nei rispettivi atenei e dalle 20.00 “Open Night – L’Università si apre alla città!”;
Università di Foggia – Assemblea di Ateneo alle ore 11 nel Dipartimento di Lettere e Beni Culturali;
Università del Salento – Assemblea di Ateneo alle 10.00 e iniziative serali;
Università Federico II e L’Orientale di Napoli – Assemblee di Ateneo;
Università della Calabria – Assemblea studenti e ricercatori.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli studenti attaccano il ministro Carrozza: "Frasi insensate e antidemocratiche sulle occupazioni"

Next Article

La storia di Giacomo: "A 86 anni il numero chiuso non permette di iscrivermi all'Università"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.