Erasmus, tra le 5 città più care anche Roma e Milano

Ogni universitario vorrebbe poter fare l’Erasmus, eppure non tutti possono permetterselo. Le borse di studio europee sono ancora limitative e non tutte le università danno un contributo aggiuntivo. Rispetto le grandi mete, con un piede fuori dall’Europa, Londra rimane la città più care dove fare l’Erasmus. Seguono Parigi e Monaco di Baviera, seguite da Roma e Milano. Quest’anno i numeri del periodo di mobilità europeo sono aumentati del 40% rispetto lo scorso anno, una “voglia di Erasmus” senz’altro positiva. Ma quali sono i costi che dovranno affrontare gli studenti in partenza in questi giorni? Niente paura: se si sa come fare – e si sceglie la città giusta – è possibile vivere con soli 500 euro: lo assicura Uniplaces, il brand leader nel settore degli affitti per studenti universitari, che ha analizzato i dati relativi a 15 città europee per scoprire quanto i costi relativi ad alloggio, pasti e trasporto possano incidere sulle finanze di uno studente.
Prima fra tutti l’alloggio, sicuramente la spesa maggiore alla quale si deve far fronte, a prescindere dalla città; per questo è consigliabile condividere un appartamento, in modo da abbattere i costi di affitto. Anche nella città più economica del campione, Budapest, affittare una stanza in appartamento condiviso costa in media 249 euro. Il che corrisponde al 50% dei 500 euro ipotizzati per il nostro budget: un valore già piuttosto elevato, che nelle altre città sale ulteriormente. In ordine crescente di prezzo troviamo poi: Porto (dove l’affitto medio corrisponde al 52% del nostro budget), Varsavia (58%), Lisbona (61%), Praga (313 euro, pari al 63%), Barcellona (81%), Madrid (85%), Berlino (463 euro, pari al 92% del budget fissato). Roma e Milano si posizionano entro la soglia dei 500 euro, ma solo per un soffio: le due città italiane presenti nel campione hanno prezzi più alti rispetto a tutte le città europee sopra indicate. A Roma si pagano infatti 475 euro per una stanza (pari al 95%), mentre a Milano se ne spendono 484(97%).  In alcune delle città prese in considerazione, l’ipotesi di mantenersi con 500 euro al mese si dimostra impossibile: anche senza tenere conto di tutte le altre spese, il solo affitto di una stanza in appartamento condiviso costa infatti più di 500 euro a Bruxelles (503 euro in media), Amsterdam (522), Parigi (607), Monaco di Baviera (642) e Londra (680). 
E il vitto quanto ci costa? Anche sotto questo punto si vista, Londra si rivela essere la più costosa tra le città studiate: mangiare all’ombra del Big Ben in ristrutturazione costa in media 340 euro al mese, cioè il 68% del budget ipotizzato nella ricerca. Tenendo conto anche dei costi di affitto visti sopra, è evidente che per poter vivere qui sia necessario avere a disposizione fondi decisamente superiori ai 500 euro stimati. Lo stesso vale per Amsterdam e Bruxelles, dove la spesa alimentare si attesta attorno ai 300 euro mensili (60% del budget) – più o meno in linea con i valori di Milano e Roma. I trasporti, però, generalmente sono convenzionati per gli studenti, pensando molto meno sulle tasche rispetto alle due voci precedenti; eppure costituiscono comunque una spesa quasi inevitabile se si studia in una grande città. In alcune delle mete prese in considerazione, spostarsi costa davvero poco a Bruxelles, Praga, Monaco, Budapest e Varsavia, in cui si spendono meno di 12 euro al mese. Seguono, in ordine crescente di costo: Milano, Parigi, Porto, Madrid, Roma, Berlino, Lisbona, Barcellona, Amsterdam e infine Londra, che con i suoi 104 euro mensili si conferma la città più costosa anche in fatto di trasporti pubblici. Quindi si è possibile vivere con 500 euro (spese extra escluse) ma solo se si è diretti a Budapest, Praga, Porto, Varsavia o Lisbona. Negli altri casi esaminati occorrerà invece avere a disposizione un budget più elevato. In particolare, le città più costose per uno scambio all’estero si rivelano essere Londra (dove il costo combinato di vitto, alloggio e trasporto pubblico ammonta in media a 1.124 euro al mese), Parigi (915 euro complessivi) e Monaco di Baviera (893 euro). Va detto però che i costi che si affrontano per vivere a Roma o Milano non si discostano molto da queste cifre: parliamo infatti di circa 807 euro totali a Roma e di 806 a Milano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 1 settembre

Next Article

Bocciatura addio? No, alcune inesattezze da sfatare sulla legge 107

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".