Dionigi, senza fondi nessun corso è possibile

Gli atenei italiani sono ancora «sospesi», in attesa della determinazione per l’anno in corso del fondo di finanziamento italiano. È ciò che sostiene Ivano Dionigi, rettore dell’Università di Bologna..

Gli atenei italiani sono ancora «sospesi», in attesa della determinazione per l’anno in corso del fondo di finanziamento italiano. È ciò che sostiene Ivano Dionigi, rettore dell’Università di Bologna che ne ha parlato a margine di una iniziativa sulla cultura classica al meeting di Cl a Rimini.
«È un po’ difficile – ha detto Dionigi – fare la programmazione delle attività senza sapere i fondi che abbiamo a disposizione. Ma siamo sospesi anche per la questione della riforma, che è passata ad un ramo dal Parlamento e che ora potrebbe essere rallentata dalla vicende politiche, senza contare il problema drammatico dei ricercatori, che sono il nucleo vitale dell’Università e che chiedono solo di essere valutati con i concorsi. Il vero problema è che nel nostro paese, di lustro in lustro, c’è una progressiva riduzione dei finanziamenti per il sapere, a differenza di ciò che avviene negli altri paesi d’Europa».
Partecipando al meeting, Dionigi ha rivolto anche un invito ai politici che vi parteciperanno: «visto che qui si parla di valori alti – ha detto – chi viene qui, prima di sciacquarsi la bocca con questi valori, tengano presente il rispetto dell’interlocutore politico. I giovani che sono qui hanno il diritto e il dovere di pretendere che qui si usi un certo linguaggio e non si veda lo spettacolo osceno che si vede e si ascolta di solito».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Master intelligence in memoria di Cossiga

Next Article

Polito, stage ad hoc per ingeneri

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".