Decathlon apre nuovi negozi e assume

La sede centrale di Decathlon Italia, a Lissone, contempla diverse nuove aperture su tutto il territorio italiano.

La sede centrale di Decathlon Italia, a Lissone, ha fatto sapere che contempla diverse nuove aperture su tutto il territorio italiano e la stima complessiva di ricerca del personale per tutto il 2010 ammonta a circa 700 profili.
Tra le novità annunciate c’è quella dell’apertura in preparazione a L’Aquila, mentre le altre rese note per il momento sono a Catania e a Vado Ligure, in provincia di Savona.
La parte del leone, circa 500 contratti, la giocheranno i profili di venditori/venditrice, hostess e steward di cassa. I candidati ideali a ricoprire questi ruoli, generalmente, sono studenti universitari, appassionati di sport, dinamici, vitali e predisposti al contatto con il cliente. È necessario, inoltre, garantire la disponibilità a lavorare nel fine settimana.
Altra stima interessante, poi, è quella che contempla 150 responsabili di reparto sport, ovvero i caposettore. In questo caso il candidato giusto è un neolaureato, in discipline quali Economia, Giurisprudenza o Scienze motorie.
Ma le porte sono aperte anche a diplomati che possano vantare nel proprio curriculum un esperienza di lavoro nel commerciale.
Nel dettaglio, a L’Aquila le ricerche si concentrano su trenta venditori e venditrici, hostess e steward di cassa, e dieci responsabili. Per conoscere le offerte e candidarsi è sufficiente consultare il sito internet www.decathlon.it.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Generazione 500 euro

Next Article

Gruppo Toscano cerca uno stagista romano

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.