Ddl? Legge antiformativa

All’indomani dell’approvazione alla Camera del Ddl Gelmini, gli studenti partenopei non placano la protesta ma cercano di intensificare il movimento rendendolo più unitario.

All’indomani dell’approvazione alla Camera del Ddl Gelmini, gli studenti partenopei non placano la protesta ma, al contrario, cercano di intensificare il movimento rendendolo più unitario e collaborativo.
Dopo l’assemblea di martedì gli studenti della facoltà di scienze politiche hanno occupato simbolicamente il Palazzo Reale sulla scia di quanto fatto in tante altre città italiane. “Eravamo circa 23 persone e abbiamo esposto lo striscione “C’è chi dice no” attaccandolo al balcone del primo piano del palazzo” ha spiegato Marcello Framondi, studente presso la facoltà.
Occupate anche la sede di giurisprudenza e di lettere e filosofia a via Porta di Massa. Un unico coro che all’unisono grida “Blocchiamo le strade e i negozi, solo dando fastidio ci ascolteranno”. Riccardo De Biase, docente precario da 12 anni presso il dipartimento di filosofia “Antonio Aliotta” ha dichiarato: “Questa riforma prevede una formazione che si pone criteri antiformativi. E’ una legge assurda, credo che uno storico tra cinquant’anni avrà seri problemi a spiegarsi cosa è successo in questa epoca. L’istruzione è drammaticamente in pericolo”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Perlingieri nominato Professore Emerito

Next Article

Master in Diritto Tributario

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"