Dal 19 al 23 novembre: una settimana di mobilitazioni per salvare l’Università

mobilitazioni

Settimana di mobilitazioni per cambiare l’Università – Con un comunicato congiunto sindacati, associazioni studentesche, docenti e ricercatori annunciano la protesta. Sette giorni di dibattiti e cortei per protestare contro un sistema in totale disfacimento

 

Una settimana di mobilitazioni e dibattiti per fermare lo “sfaldamento” che sta colpendo il mondo dell’Università. Con un comunicato congiunto diverse unioni sindacali e associazione studentesche di tutto il paese hanno annunciato la mobilitazione in tutti gli Atenei italiani dal 19 al 23 novembre.

Dal Cun (Comitato universitario nazionale) ai sindacati Flc Cgil, Cisl, Uil, Cobas, Snals, Ugl e Cisal, fino alle associazioni studentesche nazionali Link e Udu, ma anche le organizzazioni del corpo docente come Adi, Adu, Andu, Cipur, CoNPass e quelle dei ricercatori: Cnru e Rete29aprile. Tutti uniti per protestare contro il sistema Università, gravato sempre più di problemi insostenibili invece che di possibilità per studenti e operatori.

“Gli ingenti tagli alle risorse già scarse, l’accentramento esasperato dei poteri a livello nazionale e negli Atenei, la messa ad esaurimento di un’intera categoria e il precariato reso ancor più feroce e senza sbocchi dalla legge “Gelmini”, la valutazione – mal concepita e peggio realizzata da un’Agenzia che ha commissariato il Sistema universitario – usata come clava per colpire e demolire piuttosto che per aiutare a far funzionare meglio la ricerca e l’alta formazione nel nostro Paese, lo svuotamento del diritto allo studio che dovrebbe invece essere garantito anche a chi è privo di mezzi: queste ed altre scelte apparirebbero ingiustificabili e autolesioniste, se non fossero operate deliberatamente per cancellare l’idea stessa di un’Università di qualità, democratica, aperta a tutti e diffusa nel Paese”. Questi i nodi della protesta così come vengono riportati nel comunicato congiunto.

Ma il dibattito prenderà in esame anche la ripartizione dei punti organico, un punteggio che permette agli Atenei di assumere nuovo personale, e il sistema di finanziamento delle Università, il cosiddetto FFO, sul quale già i Rettori di diversi Atenei del Mezzogiorno avevano espresso molti dubbi.

Ora una intera settimana di mobilitazione. Studenti, docenti, ricercatori e personale accademico: tutti uniti per cambiare le sorti delle Università.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Martedì 29 ottobre: partecipa al primo torneo di Dodgeball organizzato da RomaTre

Next Article

Roma: studentesse a luci rosse. Prostituzione dopo scuola ai Parioli

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.