Corso Unicef gratuito alla Sapienza

loc-unicef-2009.jpgIscrizioni aperte per “All the invisible children” XIX Corso Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo organizzato dall’UNICEF in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, che quest’anno vede anche il sostegno dell’Ambasciata dei Paesi Bassi. Da quasi un ventennio l’UNICEF organizza nelle principali università italiane il Corso Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo.
Alcune anticipazioni: si parlerà dei primi 20 anni della Convenzione sui diritti dell’infanzia e della adolescenza con la lezione: “Chiedimi se sono felice” con il professore Luigi Citarella (Rappresentante per l’Italia al Comitato ONU sui diritti dell’Infanzia) ed il giudice Maria Rita Saulle, ma si parlerà anche di integrazione femminile, di come la guerra viene vista e vissuta dai bambini, del Darfur e degli Stati Uniti e la speranza di ratifica della Convenzione da parte del Governo Obama, e di lotta alle mafie con Don Luigi Merola.
Il Corso si articolerà in undici incontri nei mesi di marzo – maggio 2009. Gli incontri si terranno presso l’Aula 1 della Facoltà di Lettere e Filosofia – Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, dalle ore 17.00 alle ore 19.00. L’iscrizione al Corso è libera e gratuita. Viene richiesto un contributo di 30 euro a copertura delle spese sostenute per il materiale che verrà distribuito nel corso delle lezioni. Il Corso è indirizzato non solo a studenti universitari, ma anche ad insegnanti, docenti, operatori di Ong o associazioni e a chiunque voglia approfondire le tematiche trattate.
Le iscrizioni fino a esaurimento posti si potranno effettuare il lunedì, martedì e venerdì dalle ore 15.00 alle ore 18.00, presso la sede del Comitato Provinciale di Roma – via Torino, 96 (Metro Repubblica) oppure sul sito (tel. 06 47 80 92 61).

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

"Questo piccolo grande errore"

Next Article

Al via il Global Summit Aiesec per la prima volta in Italia

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.