Copioni 4.0: usavano WhatsApp e kit tecnologico agli esami

Sono 21 gli indagati dell’operazione “100 e frode” a Foggia: tra questi, alcuni studenti che, attraverso un vero e proprio kit tecnologico, si facevano passare le soluzioni degli esami da “suggeritori” con lo smartphone. I sospetti sono nati dopo la scoperta, fatta nel corso di altre indagini, dell’esistenza di due studenti che avevano superato alcune prove d’esame – presso la Facoltà di Economia dell’Università di Foggia – utilizzando uno smartphone collegato ad un auricolare attraverso il quale le domande venivano ripetute telefonicamente ai “suggeritori”, che fornivano le risposte. Il metodo ha funzionato sia per esami orali che scritti. Nel secondo caso, le tracce dei compiti venivano fotografate e trasmesse mediante Whatsapp. 

Le indagini sono andate avanti scoprendo un vespaio: sono stati segnalati tredici studenti iscritti alla Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Foggia, che avrebbero attuato lo stesso metodo. Gli esami in questione sono: la prima prova scritta dell’esonero di ‘Matematica Generale’, la prova scritta di ‘Istituzioni di Economia’, di ‘Statistica’, Analisi dei dati, Economia Politica 2, ‘Matematica finanziaria’ ed Economia Industriale del corso di Laurea in Economia Aziendale. Tra gli indagati anche un consulente del lavoro che si è prestato a certificare false attestazioni di tirocinio pratico, richieste dall’Università, a favore di una studentessa. Un altro è un medico pubblico che ha certificato una falsa prenotazione di visita specialistica per il figlio, studente tra quelli indagati dalla Procura.
 
L’Università di Foggia, alla luce di questi fatti, in una nota stampa prende le distanze e si mette a disposizione degli inquirenti: ”In relazione all’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza e diffusa in giornata da diversi organi di stampa, l’Università di Foggia tiene a precisare che metterà a disposizione degli organi inquirenti tutte le informazioni e le documentazioni di cui dispone, riservandosi ogni ​​consequenziale azione che sarà decisa dagli organi collegiali dell’Ateneo, al fine di tutelare i sacrifici degli altri Studenti dell’Università di Foggia”.
 
 
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alternanza scuola-lavoro, arrivano i tutor per mettere in contatto scuole e aziende

Next Article

Elezioni politiche, l'appello degli studenti: "Istruzione diritto. Non siamo bamboccioni"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.