"Caro Suárez è stato bello", il tweet sul presunto esame truccato del calciatore. Studenti: "Mai visto qui"

Ancora polemiche sul presunto test truccato che in merito al riconoscimento dei documenti per la citaddananza Luis Suárez. Interno al test “super veloce” del calciatore uruguaiano è stato aperto anche un fascicolo dalla Procura di Perugia che vede indagati anche alcuni esaminatori. L’inchiesta, però, non si limiterebbe al caso ma abbraccerebbe, secondo fonti interne all’Ateneo, un giro più ampio che stanno travolgendo l’Università per stranieri di Perugia.

Il 17 settembre Stefania Spina, Direttrice del Centro per la Valutazione e le Certificazioni Linguistiche all’Università di Perugia, nonché docente incaricata della preparazione di Suárez per l’esame B1 di italiano, scrive su Twitter: “Grazie Luis per la tua visita oggi all’Università per Stranieri di Perugia. Un piacere averti come studente!”. In foto anche il rettore dell’Ateneo, Giuliana Grego Bolli.

Le razioni degli studenti non si sono fatte attendere, dato che molti di loro non hanno mai visto il famoso calciatore aggirarsi per i corridoi dell’Università. “Come può essere uno studente se lo avete visto solo ieri e per giunta, come prima volta? Il diploma era già stampato?”, scrivono nei social. “L’unica persona sul pianeta che viene esaminata a mezzegiorno, termina la prova e gli viene rilasciato il titolo”, chiusa un altro.

Quello della prof.ssa Spina è uno dei tanti nomi che compaiono nelle carte della Procura in merito alle intercettazioni sull’esame del calciatore. A sollevare la questione anche la stampa nazionale con l’editorialista del Corriere, Aldo Grasso, che in un articolo scrive: “Sarebbe bello incontrare i professori che hanno esaminato Luis Suarez per sapere cosa si prova a incontrare un genio”. Nelle intercettazioni pubblicate da alcuni giornali uno degli esaminatori, Lorenzo Rocca, avrebbe affermato: “Se i giornalisti gli fanno due domande in italiano va in crisi […]. Mettici il minimo”, riferendosi al voto. Le autorità stanno cercando di capire se il calciatore abbia o meno frequentato le lezioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Patrick Zaky, lettera dal carcere alla famiglia: spera di poter tornare a Bologna

Next Article

Suarez: cittadinanza italiana ottenuta con una truffa. La Procura guidata da Cantone: "Esame farsa"

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"