Cagliari, segreterario di ingegneria accusato di sfruttamento della prostituzione

Michele di Martino all’Università di Cagliari ci ha perso la faccia e adesso rischia anche il licenziamento. L’insospettabile segretario della facoltà di ingegneria è oggetto di un procedimento disciplinare su base di un’inchiesta su prostituzione sadomaso

Michele di Martino all’Università di Cagliari ci ha perso la faccia e adesso rischia anche il licenziamento. L’insospettabile segretario della facoltà di ingegneria è oggetto di un procedimento disciplinare su base di un’inchiesta su prostituzione sadomaso.

Maestro di tennis, ed ex gestore di campi della parrocchia di San Carlo nel mondo del sesso era conosciuto come Marcello. Nipote dell’ex sindaco reclutava giovanissime donne (appena maggiorenni) attraverso internet.

Il segretario accusato di sfruttamento, reclutamento e induzione alla prostituzione, si occupava di ogni aspetto del business del sesso. L’inchiesta, predisposta dal pm Rita Cariello, è partita dopo la denuncia di una delle protette che nel 2011 si è presentata in Questura svelando i retroscena della storia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Azione Universitaria, i baroni non possono valutare la ricerca

Next Article

Vittime dell'omofobia. Daniel non ce l'ha fatta

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".