Classifica EF: l’Italia agli ultimi posti per conoscenza della lingua inglese

lingua inglese

In Italia pochi conoscono la lingua inglese e non si investe a sufficienza per colmare questa lacuna. Questo uno dei dati che emergono dal terzo rapporto sulla conoscenza della lingua inglese nel mondo promosso dall’agenzia Education first (EF).

L’italia, si piazza tra gli ultimi paesi europei quanto a sviluppo e diffusione dell’inglese, rientrando di diritto nella categoria “basso livello”. Peggio di noi solo Francia, da sempre ostile alla penetrazione dell’idioma anglosassone, e Turchia (che però incassa i complimenti di EF per gli sforzi fatti al fine di migliorare la situazione).

Una classifica che ha preso in considerazione 60 paesi, quasi 5 milione di individui per un lasso di tempo compreso tra il 2007 e il 2012.

Al di là delle note di demerito toccate all’Italia, la classifica premia i paesi che si sono maggiormente impegnati per diffondere la conoscenza dell’inglese: diverse Nazioni asiatiche come Vietnam e Indonesia e le potenze emergenti come Brasile, India, Russia e Cina. Meno positivi i risultati dei paesi latino americani e Nord africani.

A questo link potete trovare la classifica completa stilata da EF, mentre qui sotto riportiamo il grafico che mostra la posizione dell’Italia in rapporto agli altri paesi.

classifica ef

Total
0
Shares
1 comment
  1. EF è un’azienda svedese che ha il solo interesse a vendere corsi. I suoi test sono del tutto inaffidabili e non rappresentativi della popolazione. Guardate i dati ufficiali di Eurostat. Non è vero che in Italia siamo ultimi in Europa!

Lascia un commento
Previous Article

Roma, i malati di Sla in protesta: "Stacchiamo i respiratori fin quando non ci ricevete". Previsto un incontro con il Governo

Next Article

Le start up ci salveranno

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".