Boschi sulla riforma della scuola: "Assunzioni a rischio? Colpa di M5S e Sel"

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse.31-03-2014 Roma.Politica.Conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri n°10.Nella foto Maria Elena Boschi..Photo Fabio Cimaglia / LaPresse.31-03-2014 Rome (Italy).Press conference after the Council of Ministers No. 10.In the photo Maria Elena Boschi

“Le opposizioni hanno già detto che non ritireranno i 3000 emendamenti, dunque si stanno prendendo la responsabilità di dire a 100 mila precari che per colpa loro non saranno assunti”: attacca il Movimento 5 Stelle e Sel, il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, intervenuta alla trasmissione L’intervista di Maria Latella su SkyTg24.
“Sono convinta che se il Parlamento fa il suo lavoro, con determinazione come ha fatto il governo, potremo approvare il ddl sulla scuola e quindi assumere i 100 mila precari”, aveva esordito il ministro Boschi, per poi però puntare l’attenzione sulla grande quantità di emendamenti al testo del DDL, fardello che, secondo la rappresentante Pd, rischia di far saltare le assunzioni.
Sull’ipotesi di chiedere la fiducia per forzare le trappe dell’approvazione, Maria Elena Boschi precisa: “Il maxiemendamento ancora non è stato presentato, sono indiscrezioni, stanno valutando in Parlamento i relatori quindi è prematuro parlare di fiducia la prossima settimana. Fiducia che il governo assume solo quando non ci sono altre soluzioni”.
Infine una battuta di apertura sulla riforma: “A mia madre che è preside questa riforma piace – ha raccontato durante l’Intervista a SkyTg24 – ma questa riforma piace anche a molti insegnanti e dirigenti scolastici”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

EPSO: assunzione a tempo indeterminato per 55 operatori museali. Stipendi fino a 5 mila euro

Next Article

FOCUS - Uno studente su 3 (iscritto nel 2011) è fuori corso

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.