Amazon: talenti nell’e-commerce

amazon

La rinomata piattaforma di vendita online seleziona giovani laureati anche per la sede italiana di Castel San Giovanni

 

Quasi vent’anni fa, alla nascita, sembrava un’impresa destinata al fallimento in breve tempo. Puntare sul commercio elettronico? Una scommessa persa.

Oggi Amazon è fra le 500 maggiori aziende statunitensi, leader assoluto dell’e-commerce.

L’azienda ha posizioni lavorative sempre aperte in tutto il mondo, in questo momento ci sono opportunità anche per i giovani del nostro Paese che possono aspirare ad un futuro ad alto tasso di innovazione.

Gli uffici di Castel San Giovanni, sede logistica della compagnia situata nel piacentino, ospiteranno coloro che verranno selezionati per le posizioni di “Responsabile di Reparto Logistico / Area manager (Graduate role)” e “2013 Italy MBA Pathways Program – Operations Managers”.

Nel primo caso si cercano candidati che abbiano conseguito una laurea in ingegneria, economia o altre discipline scientifiche. Un Master di specializzazione in logistica e/o MBA sarà considerato titolo preferenziale. La seconda selezione è aperta a neolaureati in ambito ingegneristico con esperienza lavorativa pregressa.

Per prendere vision di queste e di tutte le alter opportunità di impiego vi rimandiamo alla sezione “Opportunità di lavoro” del sito www.amazon.it.
Troverete la voce a in basso nel home page, poi seguite il percorso “Ricerca opportunità di lavoro”-“Italy-Castel San Giovanni”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Usa, strage a Santa Monica: 5 morti

Next Article

Il gatto che comunica con il linguaggio dei segni

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.