Amazon annuncia il terzo premio annuale del Festival Internazionale del Giornalismo per studenti universitari in Europa

Amazon annuncia, per il terzo anno consecutivo, il concorso della scholarship del Festival Internazionale del Giornalismo (IJF). Gli studenti provenienti da tutta Europa, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, si sfideranno nell’inviare una video notizia della durata massima di due minuti sul tema “Una storia di trasformazione grazie alla digitalizzazione e alle nuove tecnologie”.
I cinque studenti vincitori vedranno le proprie video notizie pubblicate su La Stampa, DWDL.de, El Pais e Vice durante la settimana del Festival e Amazon coprirà il rimborso di tutti i costi di trasporto e alloggio per assistere al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia (5-9 aprile).
I video saranno valutati in base alla pertinenza al tema, allo stile giornalistico della video notizia e alla sua capacità di informare, ispirare e coinvolgere lo spettatore.
Gli studenti possono presentare la propria candidatura alla scholarship del Festival Internazionale del Giornalismo compilando il modulo presente nella pagina web della scholarship del Festival www.amazon.it/ijf-scholarship. Per partecipare gli studenti devono includere il link al video caricato su Amazon Drive.
Il termine ultimo per la consegna è il 6 marzo 2017.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Olimpiadi di Italiano, al via la sfida tra gli studenti

Next Article

Your First Eures Job: l'Europa spinge i Giovani

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.