All'UniCal si commenta il voto

In questi giorni si sta facendo un gran parlare, nelle trasmissioni tv e sulle colonne dei giornali, intorno ai risultati della recente tornata elettorale. Ma l’analisi del voto sta entrando anche nelle università. All’UniCal questo appuntamento post-consultazioni è diventato, ormai, una tradizione consolidata.
Giovedì 17 aprile l’Osservatorio Politico-Istituzionale del Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica dell’Unical commenterà “a caldo” il voto in Calabria. L’incontro si terrà a partire dalle ore 15.30 nella Sala Stampa dell’Aula Magna. Nel corso del seminario “Elezioni politiche 2008 – Riflessioni sul risultato nazionale e sul voto dei calabresi” sono previsti, inoltre, gli interventi a commento dei risultati di parlamentari neoeletti in Calabria.
A presentare alcune peculiarità di questa tornata elettorale, con particolare riferimento a quanto successo in Calabria, saranno i professori Antonio Costabile, Roberto De Luca, Piero Fantozzi e Silvio Gambino. I lavori saranno coordinati dal giornalista Romano Pitaro, direttore responsabile di “Calabria Informa”, l’agenzia di notizie e commenti del Consiglio Regionale della Calabria.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Account esperto: alla Ett c’è posto

Next Article

Camerino sale sul podio

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".