Al via le iscrizioni al Cantiere di restauro

cantiere.jpgAperte le iscrizioni al cantiere di restauro dell’Istituto Europeo del Restauro dell’Isola di Ischia. Obiettivo: apprendere le metodologie ed affrontare le differenti problematiche inerenti i grandi interventi di restauro. Il corso, principalmente pratico, destinato a laureati e laureandi nelle discipline afferenti la conservazione e la diagnostica applicata ai beni culturali, mira a formare coloro che intendono sostenere con efficienza e professionalità gli interventi su grandi opere.
Attraverso l’ausilio del laboratorio mobile dell’Istituto Europeo del Restauro e di personale altamente qualificato, i partecipanti avranno modo di vivere una reale esperienza in tutte le sue fasi: dalla progettazione all’esecuzione materiale del lavoro.
La quota di iscrizione al corso pari a 1.500 euro è comprensiva di alloggio per tutta la durata del cantiere, assicurazione, abbigliamento e materiale antinfortunistico (ad esclusione delle calzature).
Le preiscrizioni vanno effettuate entro il 30 aprile 2009 inviando una mail all’indirizzo [email protected] con allegati: richiesta di partecipazione al corso bimestrale; curriculum vitae (specificando numero di telefono ed e-mail); fototessera.
Gli studenti ammessi dovranno far pervenire entro il 4 maggio 2009 a mezzo raccomandata presso la segreteria dell’Istituto Europeo del Restauro Castello Aragonese 80077 Ischia (NA): 2 fototessere; fotocopia di un documento di identità valido; certificato di laurea o certificato attestante l’iscrizione ad un corso di laurea idoneo alla partecipazione al cantiere; certificato medico di idoneità fisica e psichica al lavoro di restauro in cantiere; copia del versamento effettuato.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

20 operatori telefonici per Fastweb

Next Article

Croazia, protesta per istruzione gratis

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".