A Trento il nuovo corso di Legal Skills

legalskill.jpgAule di tribunale, processi con accusa e difesa, sentenze emesse in diretta. Il nuovissimo corso di Legal skills (“Le abilità del giurista”) farà sentire gli studenti veri e propri attori di un gioco di ruolo che li aiuterà a “saper fare”. Con questo obiettivo nasce presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento il corso impartito da Giovanni Pascuzzi, docente di Diritto civile.
“Se si guarda alla struttura e ai contenuti della formazione universitaria del giurista è lecito nutrire più di un dubbio circa la capacità effettiva delle università italiane di formare bravi giuristi – spiega il docente -. Nei modelli formativi che oggi connotano l’insegnamento universitario del diritto è enfatizzata la trasmissione di conoscenze (diritto privato, diritto pubblico, diritto penale, etc.), molto meno la trasmissione delle abilità”.
Ma perché non basta conoscere il codice civile e il codice penale? A cosa servono le abilità? “La distinzione tra sapere e abilità – continua Pascuzzi – è di fondamentale importanza. Un conto è conoscere le regole contenute nel codice penale, altro è sapere quale norma punisce il comportamento di chi strappa la borsetta a una donna anziana provocandone la caduta (furto, furto con destrezza, rapina?). E così, conoscere l’intera disciplina contenuta nel codice civile in materia di responsabilità civile, è solo il presupposto necessario per decidere se un soggetto affetto da gravi malattie di origine ereditaria possa intentare azione per risarcimento del danno nei confronti dei propri genitori che lo hanno condannato ad una vita di sofferenze per il solo fatto di averlo generato. E ancora, la padronanza dei principi e delle regole che governano il diritto dei contratti è cosa diversa dall’essere in grado di scrivere il testo di un contratto che tuteli in concreto gli interessi di un determinato soggetto che deve contrarre un mutuo con una banca”.
Il corso, assicurano dall’ateneo, si sforzerà di essere innovativo anche sul piano degli approcci didattici. “Mentre il ‘sapere’ si trasmette attraverso il linguaggio (lezioni del docente e libri di testo), il ‘saper fare’, ovvero le abilità, si apprendono attraverso meccanismi come l’osservazione, l’imitazione, l’esperienza”. Il corso, che prenderà il via ad ottobre, affiancherà alla lezione tradizionale esperienze didattiche come laboratori, simulazioni e giochi di ruolo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

150 inserimenti nell’Ipercoop di Catania

Next Article

Due programmatori junior a Roma

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.