Unipv, in cattedra sale la lingua italiana

pavia.jpg
Lingua, scrittura e lettura. Non solo a Lettere, ma in tutte le Facoltà attraverso due incontri organizzati dall’Università di Pavia. Alla base l’idea di sensibilizzare i giovani a un uso consapevole della lingua italiana parlata e scritta oltre che a una adeguata lettura critica dei quotidiani.
In cattedra il presidente dell’Accademia della Crusca Nicoletta Maraschio e il direttore de “Il Sole 24 ore” Ferruccio De Bortoli. A loro, infatti, spetterà il compito di risvegliare l’interesse alla lettura e alle competenze linguistiche in generale, non più ritenute requisiti culturali determinanti.
“Abbiamo necessità di vera Cultura per preparare gli Studenti a inserirsi nel mondo del lavoro e di risvegliare l’interesse alla lettura, vera occasione di sviluppo dell’intelligenza e della creatività che, a ogni età, concorrono alla nostra crescita culturale” sottolinea la prof. Colli Franzone del dipartimento di Ricerche aziendali dell’Università e organizzatrice dei due incontri.
Il primo incontro è in programma venerdì 27 febbraio alle ore 15, presso la Sala Lauree di Palazzo S. Felice: Nicoletta Maraschio, Presidente dell’Accademia della Crusca , terrà una lezione d’onore sul tema: “L’importanza della lingua nel mondo attuale. L’italiano: esigenze formative ed evoluzione della norma.”.
Il secondo incontro si terrà invece, sempre a Palazzo san Felice, giovedì 26 marzo alle ore 10.00. Ferruccio De Bortoli, Direttore del quotidiano economico “Il Sole24Ore” terrà una lezione d’onore sul tema: “Leggere un quotidiano è ancora utile e perché”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Gelmini replica a Napolitano

Next Article

Seminario al Suor Orsola con Paolo Grossi

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".