A Napoli in F1

Tra corse e università la Formula 1 sbarca a Napoli il 23 aprile con “Lezioni di Formula1” a ingegneria

Lezioni di Formula 1” è il nome della conferenza che si terrà venerdì 23 aprile presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
L’evento, organizzato nell’ambito delle attività del team “Unina Corse”, vedrà la partecipazione di ingegneri e piloti dei team Red Bull e Toro Rosso, tra cui Sebastien Buemi pilota della scuderia faentina di F1. Questi, insieme con Gianvito Amico rielability manager della scuderia che si occuperà della parte più tecnica, salirà in cattedra per un giorno per “portare in pista” i giovani aspiranti ingegneri dell’ateneo partenopeo che potranno porre liberamente le loro domande. Si potrà inoltre ammirare la Toro Rosso, in esposizione alla facoltà dal 19 Aprile, con presentazione e utilizzo dei simulatori.
Ma non finisce certo qui. Infatti sabato 24, in occasione del Red Bull F1 Show Run, lungo via Caracciolo sarà possibile veder sfrecciare lo stesso Buemi e il secondo classificato al GP di Malesia, Mark Webber. “Non vedo l’ora di guidare la mia Red Bull Racing per le strade di Napoli. Sono sicuro che grazie al caloroso pubblico partenopeo sarà una giornata indimenticabile” ha dichiarato entusiasta il pilota australiano. Parteciperà inoltre Chris Pfeiffer, quattro volte campione del mondo di Stunt Riding, atteso per una delle sue fantastiche esibizioni su due ruote.
Che dire? Ricordando i fasti del “Gran premio di Napoli”, questo sarà sicuramente un evento memorabile; quindi andate “in pista” con la F1.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuove creatività al Sannio

Next Article

Senatori a 18 anni

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".