234 firmatari contro la english revolution del Politecnico

Alla fine i seguaci di Dante al Politecnico di Milano si sono fatti sentire dopo la proposta del rettore di rivoluzionare le lezioni con l’introduzione della lingua inglese come lingua base.

Alla fine i seguaci di Dante al Politecnico di Milano si sono fatti sentire dopo la proposta del rettore di rivoluzionare le lezioni con l’introduzione della lingua inglese come lingua base. 234 professori firmatari di un appello contro l’inglese obbligatorio contro il magnifico.

Nelle quattro pagine inviate ad Azzone, i docenti dichiarano di non poter «condividere l’adozione dell’inglese come lingua esclusiva, in qualunque settore e in un orizzonte di tempo che rischia di diventare incompatibile con i requisiti necessari di qualità ed efficacia».

Quello che crea il malontento è il cambiamento radicale e veloce che si propone di attuare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Profumo, solo in Italia ci sono i fuori corso

Next Article

A Cagliari si protesta contro il caro tasse

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".