Vita da eco-universitari: piccoli gesti per curare il pianeta da studenti

Gli anni ’20 del XXI secolo sono gli anni della consapevolezza, quello che facciamo ha conseguenze per noi e per il nostro pianeta. Protagonista in questi anni è proprio il tema dell’ambiente, quindi:come possono gli studenti universitari essere eco-sostenibili, adottando uno stile di vita che abbia il minor impatto possibile?

Questo decennio è stato caratterizzato dalla particolare attenzione dedicata finalmente all’emergenza ambientale. Sono i giovani i veri protagonisti di questa ondata verde di cura dell’ambiente. L’università è l’habitat migliore per far crescere la giusta consapevolezza utile per fare nel mondo la differenza che tanto viene reclamata tra uno slogan e l’altro. L’ambiente studentesco è presente, si interessa del problema e vuole trovare soluzioni.

Cosa mangiare? 

Gli studenti universitari, Masterchef improvvisati, scatenano spesso la propria fantasia tra i fornelli, fonte di piacere culinario e relax al riparo dai libri e dallo stress delle lezioni. Anche in cucina è possibile fare la differenza, senza rinunciare al gusto e alla qualità. L’impatto ambientale dei cibi che consumiamo a tavola è considerevole, ecco perché fa bene alla salute e all’ambiente ridurre il consumo di carne e latticini, alimenti che causano un uso eccessivo del suolo, inquinamento di aria e acqua e altre conseguenze dannose per il nostro ecosistema. È inoltre utile, insieme alla riduzione del consumo di carne, l’incremento del consumo di frutta, verdura e legumi, ottimi per la salute e per il pianeta. 

Il The Guardian riporta in un articolo l’iniziativa della Goldsmiths University di Londra: il campus inglese si è posto l’obiettivo di diventare carbon neutral entro il 2025, eliminando i prodotti di derivazione bovina. È consigliabile anche che gli studenti consumino prodotti locali, il famoso Km 0 salverà il mondo. Abbiamo la fortuna di vivere in un paese e in una regione ricca di materie prime eccellenti, è il momento di sfruttarle.

Vita da eco-universitario

Può uno studente universitario vivere in maniera ecosostenibile? Certamente sì, e questo è possibile farlo assumendo alcune piccole abitudini che possono fare la differenza. Differenziare, muoversi con i mezzi pubblici e non con la macchina, evitare gli sprechi di acqua sono solo alcune delle soluzioni che è possibile adottare. Inoltre, un altro passo avanti importante per ridurre l’inquinamento è stato fatto anche nei principali atenei italiani, in seguito alla distribuzione di borracce, utili per ridurre il consumo della plastica monouso. 

L’obiettivo è andare verso una sostenibilità sempre maggiore e le università d’Italia si sono impegnate con l’accordo siglato durante la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI), siglando un manifesto nel 2019 in favore della sostenibilità nel mondo accademico. Anche l’Università di Catania ha risposto all’appello di tutto il mondo universitario, nella speranza che il futuro, adesso in mano nostra, possa essere un po’ più green.

liveunict

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Office gratis per gli studenti universitari: ecco come ottenerlo

Next Article

Quali negozi resteranno aperti e quali no

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".