Università: Priolo è il nuovo rettore a Catania

Elezioni dopo dimissioni Basile indagato per concorsi truccati

Francesco Priolo, 57 anni, ordinario di Fisica della Materia del dipartimento di Fisica e Astronomia è il nuovo rettore dell’Università di Catania. Succede a Francesco Basile che si era dimesso dopo essere stato interdetto dall’attività professionale dal Gip assieme ad altri otto docenti nell’ambito dell’inchiesta ‘Università bandita’ della Procura su presunti concorsi ‘truccati’. il direttore del dipartimento di Fisica e Astronomia e ordinario di Fisica della Materia ha ottenuto un totale di 975 voti, 881 da docenti e studenti, più 94 – pari a 470 preferenze – del personale tecnico-amministrativo, che contribuiva all’elezione del rettore con voto ponderato corrispondente al 20% del numero dei docenti aventi diritto al voto. Il quorum necessario per essere eletto alla seconda votazione era di 792 voti. L’altro candidato in corsa, il prof. Vittorio Calabrese – a seguito del ritiro dalla competizione dei docenti Salvatore Barbagallo, Agatino Cariola e Roberto Purrello dopo la prima votazione di venerdì scorso -, ha ottenuto, invece, un totale di 111 voti (86 da docenti e studenti, più 25 pari a 128 preferenze del personale). Le schede bianche totali sono state 42, le nulle 90. L’affluenza alla chiusura delle urne è stata del 76,48% di docenti e studenti (1021 su 1335 aventi diritto: 1240 docenti e 95 studenti) e del 54,65% tra il personale tecnico amministrativo (676 su 1237 aventi diritto).(ANSA).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

8 Consigli per Avere il Lavoro dei Tuoi Sogni

Next Article

Amazon propone un click per la scuola

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa