Università di Bergamo, caso di tubercolosi: allarme tra gli studenti

E’ allarme alla sede di Dalmine (Bergamo) dell’Università degli studi di Bergamo, dove si è registrato un caso di tubercolosi polmonare. L’Ats (Agenzia tutela della Salute) ha già annunciato un test sugli studenti del corso dove è stato riscontrata l’infezione. Tutto è nato da una mail, che sta gettando lo scompiglio tra i ragazzi. Si tratta della “comunicazione sorveglianza malattia tubercolare” inviato ai giovani e ai loro docenti dei corsi di Tecnologia Meccanica e Progettazione di macchine.
La premessa è: “La S.V. è invitata a prestare la massima attenzione all’informativa allegata trasmessa da Ats Bergamo-Dipartimento di Igiene e prevenzione sanitaria settore di prevenzione Bergamo-Ovest. All’interno dei corsi si è verificato un caso di tubercolosi polmonare”. Martedì 24 alle 9.30, annuncia sempre la mail, nelle aule A001 e A002 della sede universitaria di via Marconi 5, il personale di Ats eseguirà il test ai “contatti individuati”, ovvero gli studenti che frequentano i corsi di tecnologia Meccanica e Progettazione di macchine. La lettura dei risultati del test, invece, sarà venerdì 27, sempre alle 9.30, nell’aula A001. Per chi volesse avere ulteriori informazioni, infine, è previsto un incontro informativo giovedì alle 9.30 sempre nell’aula A001.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 17 luglio

Next Article

Due laureati su tre trovano lavoro. Ma Italia ancora ultima in Europa

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.