Troppe interrogazioni dopo la Dad: a Milano gli studenti scioperano contro il ritorno in classe

Sciopero e occupazione al liceo classico Manzoni di Milano. Pretendiamo che in presenza ci si confronti non che il tempo venga sprecato a mettere voti”.

Braccia incrociate contro le troppe verifiche e interrogazioni piombate sulla testa degli studenti dopo il ritorno in classe alla fine del periodo in DaD: è quanto è accaduto al liceo classico “Manzoni” di Milano dove da questa mattina gli studenti hanno proclamato uno sciopero, occupando il cortile dell’istituto.

“Quest’oggi – si legge in una nota diffusa sui social network dal Collettivo Politico Manzoni – abbiamo nuovamente occupato il cortile della nostra scuola per protestare contro le condizioni che si trovano ad affrontare studenti e studentesse al rientro: l’unica prospettiva che ci viene proposta è quella di una scuola utile solo a mettere voti, rimandare, mettere note e bocciare“.

Gli studenti lamentano il fatto che la fine della DaD sia coincisa con l’avvio di un periodo nerissimo per interrogazioni, verifiche e compiti in classe. Un’esigenza da parte dei docenti dell’istituto che evidentemente non è condivisa dagli stessi studenti che avrebbero preferito un ritorno più soft alla didattica in presenza visti i tanti sacrifici fatti durante i mesi di DaD. “Pretendiamo che in presenza ci si confronti e si socializzi, non che il tempo venga sprecato a mettere voti“.

Ecco dunque che è scattato lo sciopero con seguente occupazione del cortile del liceo che potrebbe proseguire anche nei prossimi giorni nonostante ormai gli scrutini siano alle porte.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dottorati in discesa libera: meno 30% dei diplomati in dieci anni. Nel Pnrr pronti 1,5 miliardi di euro

Next Article

Via i test Invalsi e stop all'alternanza scuola-lavoro: ecco il manifesto per la "rivoluzione scolastica"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident