Test di medicina, segnalazioni da Roma: “Irregolarità a Tor Vergata”

facolta-di-medicina

Presunte irregolarità al test di medicina all’Università Tor Vergata di Roma, ecco il comunicato dell’Unione degli Universitari rilasciato alla redazione del Corriere dell’Università

La Procura della Repubblica di Roma, a seguito di una querela sporta dall’Unione degli Universitari ha aperto un’indagine concernente i test d’ingresso svoltisi nelll’Università di Roma “ Tor Vergata”.

“Sono anni che monitoriamo i test d’ingresso nella capitale con l’ausilio dell’Avv. Michele Bonetti del foro di Roma. Quest’anno è emerso che in alcune aule di Tor Vergata i ragazzi sono stati messi uno accanto all’altro senza lasciare tra loro un posto libero, così come previsto dalla legge e dai bandi di concorso” – dichiara Gianluca Scuccimarra Coordinatore dell’Unione degli Universitari.

E’ stato consentito, con il presumibile avallo dell’Ateneo di Tor Vergata, che i candidati si potessero sedere liberamente senza posti assegnati. Le analisi della graduatoria hanno fatto emergere come molti candidati abbiano riportato punteggi uguali in tutte le varie materie del test, circostanza che, dal punto di vista statistico, è praticamente impossibile e tocca percentuali di probabilità bassissime.

La procura della Repubblica dovrà vagliare questi dati anomali, accomunati da una specifica provenienza geografica di tutti i candidati vincitori o con punteggi altissimi, superiori al 40% dei posti messi a disposizione dall’Ateneo.

Le indagini condotte dall’Udu per il tramite dell’Avv. Bonetti richiedono di verificare se tali candidati vincitori e con punteggi stellari provengono da una scuola privata di preparazione al test situata dall’altra parte della penisola che a quanto pare indirizza gran parte dei suoi studenti a Tor Vergata.

Tali dati sono veramente anomali soprattutto se confrontati con altri test svolti dagli stessi soggetti in altri Atenei privati e si aggravano per la partecipazione di medici, odontoiatri e parenti con altri gravi irregolarità.”

“Le indagini si stanno estendendo a macchia d’olio: su Bari abbiamo depositato un’ulteriore querela per la nota vicenda del plico rubato che ha determinato un’impennata dei voti di alcuni candidati; altra inchiesta è stata aperta per fatti verificatasi alla Seconda Università di Napoli e alla Federico II. Il problema non è, dunque, solo su Bari e Tor Vergata, ma a quanto pare sono emerse altre due sedi del Nord Italia ove mancano altri plichi” – commenta l’Avv. Michele Bonetti

“Un test come quello di quest’anno non premia affatto il merito e dimostra come in problema debba essere principalmente risolto in sede politica. Da tempo il Governo pare aver abbandonato l’idea della riforma del sistema di accesso all’Università, dopo un primo momento dove si riportavano dei segni di apertura che dovranno essere proseguiti per giungere gradualmente ad un accesso libero, con un nuovo sistema che premi il merito e che non generi illegalità” – conclude Gianluca Scuccimarra”.

LEGGI ANCHE 

 

Intervista a Maria Chiara Carrozza: “Il modello francese non è applicabile. Con gli slogan non si va da nessuna parte” 

Giannini: “Il numero chiuso è necessario e resterà tale”

Test d’Ingresso, ecco le assegnazioni: cosa significa “assegnato” e “prenotato”?

Graduatorie Test Medicina, ecco i risultati ufficiali: crolla la soglia d’ingresso

L’abolizione del numero chiuso è un azzardo: mancano spazi e strutture per tutti

Numero chiuso, in Germania entrano all’Università solo gli studenti con la media del 10

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lo scandalo dei fondi europei: 500mila progetti di formazione non sono serviti a creare lavoro

Next Article

Lavoro estivo, tutti gli step

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".