Studenti internazionali all'Università di Cagliari

Settimana internazionale della Tdm2000, a cui partecipano 136 giovani di ogni parte del mondo. Una delegazione, invitata all’Università di Cagliari.

In questi giorni si sta svolgendo in Sardegna ( dal 2 al 9 agosto 2010) la settimana internazionale dell’associazione studentesca Tdm2000, a cui partecipano 136 giovani provenienti da 28 nazioni.  Una delegazione di studenti è stata ricevuta ufficialmente nell’Aula magna del Rettorato..  Dopo il saluto del dott. Luigi Sotgiu, Capo di Gabinetto del Rettore, i ragazzi hanno potuto visitare le storiche sale di Palazzo Belgrano guidati dal dott. Paolo Bullita, già dirigente dell’ateneo e autore del volume “Università di Cagliari, dalle origini alle soglie del terzo millennio”.
L’Associazione TDM 2000, nata in Sardegna, dodici anni fa,  promuove lo sviluppo personale  e professionale dei giovani e mira a renderli cittadini attivi nella società in cui vivono.Crede nel reciproco rispetto delle differenti culture e nell’uguaglianza tra i popoli; ambisce a contribuire allo sviluppo dei Paesi in cui opera attraverso il conseguimento di una maggiore consapevolezza verso la cooperazione internazionale, la comprensione reciproca e il bisogno di essere parte attiva all’interno della società odierna. Si impegna a favorire la crescita individuale creando opportunità di interazione e confronto tra giovani appartenenti alle varie culture e nazionalità.
Dal 2000 la TDM organizza un evento estivo denominato International Summer Week (ISW). E’ un progetto di ricezione che punta all’integrazione intercuturale e allo scambio. Ogni anno partecipano oltre 100 giovani da tutto il mondo.
Nel Dicembre 2004 ebbe inizio un nuovo grande progetto invernale, chiamato International Winter Week“(IWW). Ha avuto luogo in: Slovacchia (nel 2004 e nel 2009), Repubblica Ceca (2005), Polonia (2006), Slovenia (2007), Bulgaria (2008).
Lo scopo del meeting è simile a quello dell’ ISW: stimolare le amicizie e respingere gli stereotipi culturali. Inoltre, in questo evento invernale, promuoviamo la cultura delle regioni e delle aree poco conosciute nel mondo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage presso Europ Assistance

Next Article

Parola al professore di...Scienze Statistiche

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.