Senza certezze da un anno La storia di 80 dottorandi pugliesi

La loro vita e la loro attività di ricerca è da un anno in balìa dell’incertezza. Sono 80 dottorandi pugliesi, ai quali, da metà del 2014, non vengono erogate i fondi previsti all’interno del POR (Programma Operativo Regionale) e dei fondi comunitari. Una situazione davvero incredibile, sottolineata da un’interrogazione parlamentare avanzata da due esponenti di Sel, le Senatrici Petraglia e De Petris, e rivolta ai ministri dell’Economia e delle Finanze, invitati a sbloccare subito i 2 milioni di euro che completerebbero i versamenti spettanti.
Soldi che la Regione Puglia assegna ai dottorandi a cui non spetta borsa ministeriale. Ora però l’ente di governo territoriale non può procedere all’elergizione, perchè si tratta di risorse “liberate”, cioè rese disponibili da altri incassi dello Stato. E per questo motivo soggette al Patto di Stabilità. Al di là delle burocrazie e delle posizioni, si tratta di ridare fiato e merito a 80 persone che da un anno sono privi di qualsiasi certezza.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studente lecchino e assistente bastardo: tipi da ateneo

Next Article

Rivoluzione Finlandia scuola senza materie

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.