SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L’ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. “Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti”.

Entra tra le dieci migliori università al mondo come formazione manageriale la SDA Bocconi, che scala la classifica del Combined Ranking sulla Formazione Manageriale del Financial Times, guadagnando cinque posizioni rispetto all’edizione 2020 e issandosi alla settima posizione.  

La classifica unisce due ranking, quello sulla Formazione Su Misura, ovvero i percorsi formativi progettati per e con le aziende, e della Formazione a catalogo, i programmi che SDA Bocconi offre a professionisti e organizzazioni. Nella prima la SDA Bocconi è al terzo posto a livello europeo e quarto mondiale, mentre nella seconda guadagna 12 posizioni a livello mondiale ed entra nella top 10 europea.

“Questi importanti e costanti risultati di crescita riflettono la nostra attenzione alla progettazione di percorsi innovativi con un forte impatto sullo sviluppo delle persone e delle organizzazioni – ha dichiarato Giuseppe Soda, Dean di SDA Bocconi – Inoltre, riflettono la nostra missione di creare conoscenza che, attraverso la ricerca della nostra Faculty, alimenta esperienze di formazione continua, sottolineando il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti”.

A guidare la classifica del Financial Times c’è la HEC Paris seguita dalla Iese Business School e dalla elvetica IMD Business School. Quarta, quinta e sesta posizione occupate rispettivamente dalla Esade Business School, dalla London Business School, dalle Essec. Dietro la Bocconi, invece, si piazzano l’Università del Michigan negli Stati Uniti, il Cabral del Brasile e l’Edech francese.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mascherine, l'ipotesi di toglierle divide gli esperti

Next Article

"Concorrenza sleale a danno delle università telematiche", Unicusano accusa il Mur di mancato confronto

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.