Scarse risorse e pochi laureati: l'Ue "boccia" l'università italiana

Ancora una volta l’Italia viene “bocciata” dall’Ue sull’università. Il rapporto paese 2018 della Commissione europea giudica ancora troppo basso il nostro numero di laureati e insufficiente le risorse dedicate all’istruzione terziaria. Luci e ombre invece per la scuola: la qualità media dell’istruzione migliora ma non piacciono neanche in ambito europeo i rallentamenti su chiamata diretta e mobilità dei docenti.

L’università continua a essere caratterizzata da un alto tasso di abbandoni e da una durata troppo lunga degli studi. Ma è solo la premessa di Bruxelles che accende poi i riflettori su due ritardi storici della nostra istruzione terziaria. Innanzitutto il sottofinanziamento visto che le risorse investite su questa voce non arrivano allo 0,4% del Pil. E poi una quota di laureati nella classe d’età 30-34 anni che nel 2016 si è assestata al 26,2% contro la media europea del 39,1. Ma i limiti italiani non finiscono qui perché se è vero che i diplomati che proseguono gli studi hanno di nuovo superato il 50% è altrettanto vero che i nostri laureati – si legge nel paper – continuano a guadagnare troppo poco e ci mettono di più a trovare un lavoro rispetto ai loro coetanei europei.

Le perplessità dell’Ue si estendono anche alla scuola. Nonostante i miglioramenti nei livelli medi di istruzione testimoniati dai test Pisa restano però gli squilibri territoriali: gli studenti del Nord si posizionano al vertice dei paesi Ocse, quelli del Sud nei bassifondi. La Commissione parte da qui per analizzare lo stato dell’arte sulla Buona Scuola. L’attuazione procede – è la considerazione contenuta nel documento – ma alcune misure non sono state attuate a pieno. È il caso della mobilità degli insegnanti che continuano a fuggire dal settentrione, della chiamata diretta dei presidi e della valutazione di docenti e dirigenti scolastici. Laddove alcuni passi sono stati fatti sull’istruzione post diploma. Sia per il rifinanziamento degli Istituti tecnici superiori (Its) sia per l’avvio delle lauree professionalizzanti. Due tasselli nel percorso di avvicinamento tra le competenze in uscita dei ragazzi e quelle in entrata richieste dalle aziende. Due mondi che erano e restano lontani.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un genitore su due chiede più tecnologia a scuola: "Qualità è peggiorata"

Next Article

Elezioni 2018, i millennials votano il Movimento 5 Stelle

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.