Ocse, l'Italia non è un paese per laureati: donne ancora discriminate

Dopo i dati di “ripresa” del lavoro nel brevissimo periodo degli ultimi giorni, l’Ocse ci riporta alla realtà: l’Università italiana non riesce a produrre laureati e quei pochi non trovano lavoro o ricevono meno dei colleghi senza un titolo di studio superiore. Questo quanto emerge dal rapporto Ocse Education at a glance 2017 dove l’Italia (dati 2016) si attesta all’ultimo posto tra l’occupazione dei laureati, 64%, rispetto una media Ocse del 83% e quella europea dell’82%. La disoccupazione, poi, non va certo meglio: 15,3%, rispetto una media Ocse del 6,6% e alla media UE del 7,4% (peggio di noi solo Spagna e Grecia). Ma il dato preoccupante è un altro, il nostro paese ha il tasso di inattivi più alto dell’intera area Ocse: 24%. A ciò si aggiunge un gender gap molto marcato: a fronte di costi identici sostenuti per raggiungere il titolo di studi, i benefici una volta dentro al mondo del lavoro vengono quantificati per la componente femminile in misura pari alla metà di quanto ottiene la componente maschile”.
L’Italia non è una paese per laureati. Negli ultimi anni si è parlato molto del fatto che c’è un deficit di laureati in materie economiche (14% rispetto media Ocse 23%), non scientifiche si badi bene (25% rispetto media Ocse del 22%). Medici, ingegneri e matematici non sono in carenza, benché la popolazione umanistica sia ancora elevata. Ma che questo sia un male o mano è poco rilevante se si pensa che i nostri laureati, tutti, all’estero il lavoro lo trovano. Il report sfata, poi, la retorica portata avanti da molti governi: meglio laurearsi prima con un punteggio basso che farlo con un anno o due in più ma fuoricorso. Ricordate le parole del Ministro Poletti? Bene, su un penultimo posto al 18% come popolazione con una laurea tra i 25 e i 64 anni, a fronte di una media Ocse di 36% e quella europea di 33%, in Italia l’età media della prima laurea è 25 anni, in media con i Paesi europei e addirittura inferiore a quella Ocse. Un altro interessante dato è la scomparsa del divario Nord e Sud, è il Centro infatti ad avere la maggior popolazione di laureati.

Lazio, Umbria, Emilia-Romagna e Toscana tra le prime quattro. Il nostro paese nel 2014 ha investito il 7,1% in istruzione a fronte di una media Ocse dell’11,3 per cento, e solamente 1,6% in educazione terziaria (media Ocse 3,1%).  “La pagina nera in cui rintracciare gran parte delle cause di questi dati è quella relativa ai finanziamenti – afferma Elisa Marchetti, coordinatrice nazionale Udu – Focalizzandosi sulla sola educazione universitaria, l’Italia impiega 11.510 dollari a fronte di una media Ocse di 16.143; il dato, poi, diventa impietoso se confrontato con i nostri cugini francesi, 16.422, o la Germania con 17180″. 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 13 settembre

Next Article

Docenti, al Nord ne mancano 22mila mentre al Sud sono in eccesso

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.