NathPharma a Napoli

Prosegue a Napoli il meeting internazionale “NathPharma: Nature Aided Drug Discovery”.
Prof. Ernesto Fattorusso

Prosegue a Napoli il meeting internazionale “NathPharma: Nature Aided Drug Discovery (NADD)” iniziato lo scorso 5 giugno presso il centro congressi di via Partenope dell’Università di Napoli Federico II.

Nature Aided Drug Discovery, ha riunito nel capoluogo partenopeo 150 partecipanti provenienti da tutto il mondo, tra scienziati che si occupano di sostanza naturali come fonte per la scoperta di nuovi farmaci e aziende farmaceutiche interessate allo sviluppo di tali tipologie di prodotti.

Il convegno rientra nel progetto NatPharma, ideato dal gruppo di ricerca dell’Università di Napoli NeaNat e finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma REGPOT (Regional Potential), destinato al miglioramento delle capacità di ricerca di gruppi collocati nelle regioni di convergenza (tra cui la Campania). Saranno proprio i componenti del gruppo NeaNat, coordinati dal Prof. Ernesto Fattorusso, ad aprire i lavori nella sessione mattutina di lunedì 6 giugno presentando una serie di relazione orali sulla propria esperienza di ricerca e sull’attività scientifica del gruppo.

Il meeting che vede la partecipazione di scienziati italiani, europei e statunitensi di assoluto livello mondiale si arricchisce grazie ad una serie di relazioni sugli aspetti più prettamente scientifici dello studio delle sostanze naturali bioattive e del loro meccanismo di azione. Particolarmente significativa è poi la presenza di rappresentati della ricerca farmaceutica industriale come Guy Carter (AVP Pfizer), Carmen Cuevas (Pharmamar), Walter Cabri (Sigma Tau), nonché di David J. Newman, direttore della ricerca sui prodotti naturali del National Cancer Institute americano.

Per tutte le informazioni clicca qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Incarichi di collaborazione alla DigitPa

Next Article

Esame terza media al via per oltre 593mila studenti

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".