Medicina, laurea e abilitazione lo stesso giorno. Il Miur dà l'ok

Laureati e abilitati nello stesso giorno: il sogno di migliaia di giovani laureandi in Medicina potrebbe diventare realtà entro breve. Il Miur, infatti, ha accolto positivamente la proposta lanciata dai sindacati del settore (Cgil, Cisl e Uil Medici) per rendere il titolo di laurea in Medicina e Chirurgia immediatamente abilitante, eliminando così, la trafila necessaria ad accedere all’esame di abilitazione successivo all’ottenimento del titolo.
L’incontro tra i delegati del Ministero e i rappresentanti sindacali si è tenuto alla presenza del Ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin: “Si tratta di una notizia positiva per i futuri giovani medici – ha spiegato il segretario della Cgil Medici Massimo Cozza – che in questo modo non saranno più costretti ad aspettare anche diversi mesi per poter conseguire l’abilitazione e per poter partecipare ai test per le scuole di specializzazione e alle scuole di medicina generale che richiedono il titolo”.
Attualmente, la norma prevede che i neo dottori svolgano tre mesi di tirocinio una volta conseguito il diploma di laurea di cui 1 mese in una clinica medica, 1 mese in una chirurgica e 1 mese dal medico di medicina generale. Una volta superata questa fase, gli aspiranti medici possono accedere all’esame di specializzazione che, tuttavia, si tiene solo 2 volte l’anno. Solo al superamento di questa ulteriore verifica, i neo medici possono esercitare la professione, iscrivendosi all’ordine professionale.
Una trafila necessaria non solo per cominciare concretamente a lavorare, ma anche per accedere alle scuole di specializzazione, necessarie per proseguire la propria formazione ed acquisire competenze specialistiche. Il concorso per l’ingresso alle scuole di specializzazione, tuttavia, si tiene 1 volta l’anno (con date variabili) per cui, il rischio attuale, è quello di perdere anche 18 mesi tra l’ottenimento della laurea e l’avvio della scuola di specializzazione.
La proposta accolta favorevolmente dagli esperti del Miur, dunque, accorcerebbe sensibilmente i tempi, permettendo ai giovani medici l’ingresso nel mondo del lavoro ad un’età più bassa, accorciando il gap che attualmente ci divide dalla media europea.
Soddisfazione da parte del Coordinamento Mondo Medico: “Finalmente una buona notizia che ci avvicina ai giovani europei – commenta la portavoce Maja Fedeli – È inammissibile che i medici entrino in Italia nel mondo del lavoro a 32-34 anni: ora si vada avanti sulla strada di concorsi più snelli e meno impigliati nelle burocrazia. Basta con i concorsi irregolari che rischiano sistematicamente di essere annullati”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giallo a Bologna: studentessa invita parenti e amici alla sua festa di laurea, ma poi non si presenta

Next Article

Appuntamento all'università: eventi, incontri, mostre e dibattiti tra lunedì 11 e venerdì 15 aprile

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".