Maturità 2018, ecco quanto incide il voto di Alternanza scuola-lavoro

Pur non essendo obbligatoria per l’ammissione all’esame di Stato – almeno per quest’anno – l’Alernanza scuola-lavoro inciderà sulla valutazione finale e sul credito scolatico degli studenti. Secondo le ultime direttive del Miur saranno ammessi all’esame di Stato anche quegli studenti che non hanno completato il numero stabilito di ore (400 per i tecnici/professionali e 200 per i licei).
Ma quanto conta davvero l’alternanza? Dipende dalla decisione del consiglio di classe. Saranno i docenti stessi infatti a tenere conto degli esiti delle esperienze lavorative e del valore della loro ricaduta sul percorso scolastico di ogni studente e sul voto di comportamento. Per far ciò, però, fondamentale è la certificazone delle competenze sia stata acquisita entro la data dello scrutinio finale, quello che deciderà, appunto, l’ammissione alla Maturtià 2018.
SFOGLIA LA NOSTRA GUIDA ALLA MATURITA’ 2018 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 24 maggio

Next Article

L'evoluzione del cervello umano? Merito di cooperazione ed ecosistema

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.