L'istituto di astrofisica apre una sezione nell'Università del Salento: "È la prima in Italia"

Una sezione apposita dell’istituto nazionale di astrofisica all’interno di un’università. Un esperimento-pilota importante che parte dalla Puglia e da Lecce, nella sede dell’Università del Salento. L’Inaf è il principale ente di ricerca italiano per lo studio dell’universo, specializzata in astrofisica e astronomia e sviluppo di tecnologie innovative e strumentazione d’avanguardia per lo studio e l’esplorazione del cosmo.

E dopo le numerose collaborazioni con enti privati e universitari, ora ha deciso di aprire una propria sezione universitaria e di cominciare dalla nostra regione. Sarà l’Unisalento la prima sede, a partire dall’inaugurazione del prossimo 21 febbraio. Il rettore Fabio Pollice, il presidente dell’Inaf Nicolò D’Amico e il responsabile della sezione salentina dell’Inaf Francesco Strafella apriranno i lavori, insieme a istituzioni, studiosi, esperti in materia e rappresentanti di aziende del comparto aerospaziale, per poi passare alle relazioni scientifiche.

La scelta di Lecce non è però casuale. La collaborazione con l’UniSalento è il coronamento di una condivisione di esperienze che ormai supera i cinquant’anni nel campo degli studi e della didattica in astrofisica. Nel 1969 l’allora università di Lecce si dotò di una facoltà di Scienze; nel 1973 cominciarono le attività del laboratorio di astrofisica e l’attivazione di un curriculum astrofisico per la laurea in Fisica; nel 1993 l’attività legata allo spazio con la partecipazione allo sviluppo della missione interplanetaria Mars94.

repubblica

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Torino occupata, tutti promossi con il 30 politico

Next Article

Università, i prof vogliono ‘disintossicare’ gli atenei. Ma il declino non dipende certo da burocrazia e valutazioni

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.