La classifica delle aziende più attrattive per un neolaureato nel 2016: Fs batte Google e Apple

Le “vecchie” Ferrovie battono i colossi informatici Google e Apple: il Gruppo Fs si piazza per il secondo anno consecutivo al primo posto tra le aziende più attraenti per i neolaureati italiani e si lasciano alle spalle alcune delle imprese più grandi al mondo.
I risultati della classifica “Best Employer of Choice 2016”, stilata dalla Cesop communication, vedono il gruppo ferroviario fondato nel lontano 1905 confermarsi ai vertici delle aspirazioni degli oltre 2.500 neolaureati intervistati; al secondo posto si piazza Google, seguito, sul podio dalla Banca Nazionale del Lavoro (gruppo Bnp Paribas); solo quarta l’azienda fondata da Steve Jobs, Apple.
Un successo che non stupisce: il gruppo Fs, infatti, ha avviato da diversi anni campagne di comunicazione e reclutamento all’interno delle università italiane, offrendo percorsi di formazione e di inserimento al lavoro che hanno portato 472 neolaureati ad essere assunti dal 2011 ad oggi (di questi 172 solo lo scorso anno).
“I laureati sanno che siamo una realtà solida e sono consapevoli che per i nostri progetti investiamo e puntiamo su tecnologie d’avanguardia – spiega l’ad del Gruppo Fs, Renato Mazzoncini – e per questo cerchiamo giovani talenti, li incontriamo con iniziative d’orientamento al lavoro insieme a università d’eccellenza offrendo anche master, tesi di laurea, stage e seminari”.
Il successo delle aziende italiane, poi, è certificato dalla top 10 della “Best Employer of Choice 2016” che vede Eni al 5° posto, Ferrero al 6°, Mondadori all’8°, Finmeccanica al 9° (in salita di ben 4 posizioni dallo scorso anno) e Ferrari al 10°.
A questo link, la classifica completa. Di seguito le prime 10 posizioni:
top 10
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

LA NOVITA' - Studenti e Atleti: finalmente si può

Next Article

Istat: cala la disoccupazione giovanile. Ai minimi da 3 anni

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.