Italiacamp sbarca negli Stati Uniti

Schermata 2013-03-20 a 17.26.45

ItaliaCamp, il laboratorio di progetti made in Italy, diventa internazionale e sbarca negli Stati Uniti con una missione prevista dal 9 al 16 novembre. L’obiettivo e’ attrarre investimenti e proporre soluzioni di governance globale, valorizzando le migliori idee di business e di policy nell’ambito del concorso ‘La tua idea per il paese’ che giunge quest’anno alla terza edizione con il patrocinio della Presidenza del Consiglio.

A presentare le nuove iniziative sono stati oggi a Roma il presidente dell’associazione Fabrizio Sammarco, il presidente onorario dell’associazione Antonio Catricala’, il presidente onorario della Fondazione ItaliaCamp Gianni Letta e il presidente della Fondazione Pier Luigi Celli.

L’associazione, formata da un gruppo di giovani esponenti della societa’ civile tra i 20 e i 35 anni e network di ben 70 universita’ italiane con istituzioni e imprese, conta gia’ su “un tesoretto di 3.000 idee che verra’ consegnato a chiunque verra’ incaricato a governare il Paese” come ha sottolineato Catricala’ che, tra i vari progetti realizzati, dei 40 selezionati nelle passate edizioni, ha ricordato le “srl a 1 euro”, le quali, grazie alla modifica di un solo articolo di legge, hanno gia’ fruttato la creazione di 5.000 societa’.

Ma le srl non sono certo la sola idea di successo, ItaliaCamp vanta anche la realizzazione di un radar per la navigazione, chiamato ‘Remocean’ che viene attualmente utilizzato per la rimozione della Costa Concordia. Le progettualita’ che verranno presentate in America verranno selezionate da un comitato scientifico internazionale tra quelle che perverranno attraverso la rete, entro il 5 agosto 2013 sul sito www.italiacamp.it da universita’, imprese, istituzioni, associazione e cittadini.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nel 2014 l'e-book supererà il cartaceo

Next Article

Api assassine attaccano una scuola, 61 bimbi feriti

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"