Il sogno di Federica: "Lancio un crowdfunding per andare alla Columbia"

Una studentessa di Fermo è stata ammessa alla prestigiosa Columbia University di New York ma non ha il denaro sufficiente per sostenere la retta e la vita nella metropoli, perciò ha lanciato un crowdfunding per raccogliere gli 80mila euro necessari a trasferirsi negli Stati Uniti.
Dopo la storia di Alessandro Chidichimo, che aveva lanciato un crowfunding per la sua ricerca su Benveniste, ecco un altro caso di raccolta fondi dal basso a favore degli studenti. Federica Belletti ha 24 anni e nel prossimo autunno dovrebbe cominciare il corso in Film producing alla Columbia University, ma in una lettera di presentazione all’Huffington Post spiega che essendo figlia di due operai già indebitati corre il rischio di non concretizzare il suo sogno: frequentare la Columbia e diventare una produttrice cinematografica per cambiare l’industria del cinema italiano.
“Perché dovrebbero investire in me? Perché sto lottando per poter essere a New York il 31 Agosto ad imparare come poter trasformare la tradizione cinematografica italiana in una rinnovata industria capace di creare lavoro, innovazione ed educazione filmica – scrive Federica. Vorrei studiare come gli americani sono in grado di capitalizzare la propria cultura. Perché a modo mio, con la scrittura per immagini, voglio provare a fare qualcosa per questo paese”.
L’esperienza di Federica è simile a quella di molti giovani italiani partiti in cerca di fortuna all’estero. Dopo una laura in Scienze della Comunicazione, Federica è vissuta negli Stati Uniti un anno come ragazza alla pari e poi è tornata in Italia dove ha cercato lavoro mandando decine e decine di curriculum, senza risposta: “In Italia sono disoccupata. In USA sono parte del 6,9% di studenti al mondo che è entrata alla Columbia University”, scrive sul profilo Facebook dedicato alla sua “mission”.
Così Belletti ha aperto su Go Fund Me una pagina per raccogliere i fondi. Finora ha raccolto 2500 euro, molto poco rispetto alla cifra prevista. Ma la sua tenacia è incredibile. E per una buona causa.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Buongiorno,
    Mi chiamo Cassandra Testa. Sono una ragazza di 20 anni.
    Il mio sogno è quello di conseguire la laurea in Sicurezza Informatica, ma purtroppo per problemi familiari ed economici non ho i fondi per permettermela.
    Mi sono diplomata all’I.T.E. Tosi di Busto Arsizio con il massimo dei voti (100/100) in Sistemi Informativi Aziendali.
    La mia passione è l’informatica, in particolare la programmazione e la creazione dei siti web.
    Con questo corso di laurea avrei numerose competenze sia nel campo della sicurezza informatica che nello sviluppo di applicazioni web e mobili, inoltre nell’ultimo anno sono presenti due materie a scelta e tra queste vorrei intraprendere la strada dei Sistemi biometrici (ad esempio l’utilizzo dell’iride, delle impronte digitali o addirittura del DNA per identificare unicamente una persona), questi ultimi sono la direzione verso cui sta andando la nuova tecnologia e credo che possano risolvere numerosi problemi legati al furto d’identità e vari crimini informatici.
    Se avrete possibilità anche solamente di leggere la mia storia e di aiutarmi a condividerla, ve ne sarei molto grata.
    Il link della campagna è gofundme.com/cassandra-degree.
    Nel sito trovate numerosi update, in particolare sono stata pubblicata su La Provincia di Varese e su VareseNews (https://www.varesenews.it/2015/07/ho-un-sogno-da-realizzare-chi-mi-aiuta/384645/).
    Vi ringrazio in anticipo per l’ascolto
    Saluti
    Cassandra Testa
    “Una passione che dura tutta la vita è un privilegio, indipendentemente dal prezzo che ci chiede.” (Agatha Christie)

Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 25 maggio

Next Article

La proposta: "Le Università costringano i ragazzi a studiare in inglese"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.