I cellulari aumentano il rischio di tumore

Brutte notizie per i telefono-dipendenti. Uno studio svedese pubblicato su Pathophysiology conferma la tesi secondo cui i cellulari fanno male e, più precisamente, utilizzare per 10 anni il telefonino o anche il cordless può aumentare da tre a cinque volte il rischio di ammalarsi di glioma cioè una forma di tumore del cervello.

Brutte notizie per i telefono-dipendenti. Uno studio svedese pubblicato su Pathophysiology conferma la tesi secondo cui i cellulari fanno male e, più precisamente, utilizzare per 10 anni il telefonino o anche il cordless può aumentare da tre a cinque volte il rischio di ammalarsi di glioma cioè una forma di tumore del cervello.

Lo studio capeggiato dal dottor Lennart Hardell e dai ricercatori del Dipartimento di Oncologia dell’Ospedale Universitario di Örebro stabilisce che l’esposizione continuata alle radiazioni e microonde emesse dai dispositivi cellulari, può essere molto dannosa per la salute fino al rischio di cancro.

A rischiare di più i bambini e gli adolescenti, più predisposti ad assorbire nel cervello le onde.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ocse: la scuola italiana è povera e vecchia

Next Article

Macaulay Culkin è vivo e si dà alla pittura

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).